Il bilancio del mercato della Vultur.

 di Redazione TuttoPotenza Twitter:   articolo letto 689 volte
Fonte: csvultur1921.it
Il bilancio del mercato della Vultur.

E’ doveroso un bilancio sulla finestra di mercato che sta per chiudersi, per le diverse operazioni in entrata ed in uscita che l’hanno caratterizzata. Simone Grillo, consulente di mercato, in condivisione con le indicazioni dell’allenatore Sosa ha interpretato la linea societaria che si è basata tenendo sempre in considerazione il budget prefissato e l’opportunità di ogni singola valutazione. Il tutto all’insegna del rispetto delle intenzioni dei tesserati e la loro volontà di far parte del progetto. In pratica non si è precluso a nessuno la possibilità di individuare altre soluzioni, come qualcuno pure ha voluto fare. E’ stata ferma la volontà di incoraggiare taluni elementi finiti nelle mire di diversi club ma con i quali la Società ha ritenuto fondamentale la persuasione a proseguire nel percorso avviato. Sono rimasti pertanto Carrieri, De Stefano, De Rosa, Petagine, Montenergro, Della Luna perché ritenuti tasselli fondamentali all’interno del gruppo e da parte loro è stato encomiabile la voglia di far ancora parte della Vultur continuando con orgoglio a vestirne la maglia. Non si è potuto invece trattenere altri elementi, in primis Rabbeni, poiché la Società ha voluto consentire al tesserato di avvicinarsi alla sua terra d’origine ed anche perché, dopo aver cercato ogni possibile mediazione, non ha inteso accettare di cambiare l’indirizzo della trattativa circa le intenzioni prefissate. Serritella ha chiesto lo svincolo che ha trovato favorevole tecnico e società. Accolti favorevolmente gli arrivi del difensore Fabio Lamorte, il centrocampista Achille Aracri e l’attaccante Matias Castaldi che hanno fatto vedere già belle cose nelle ultime due gare in cui sono stati tutti e tre già utilizzati; il potenziamento del parco under ha portato infine in bianconero, Matteo Palmieri (centrocampista ’98) Giuseppe Sammartino (terzino 98)e Andrea Cardellicchio (terzino ‘98), giovani tutti di bella prospettiva. Simone Grillo ha in piedi un’importante trattativa che potrebbe donare alla Vultur un esterno d’attacco che possa implementare il reparto offensivo e con tale operazione potrà definitivamente intendersi chiusa la finestra dicembrina.