Una settimana che non può prescindere da quanto avvenuto a Vaglio Scalo e dalle dichiarazioni di addetti ai lavori e politici, tra queste quelle dell'Amministrazione Comunale di Rionero in Vulture con la richiesta di ritirare la squadra dal campionato di Eccellenza lucano pare una forzatura: "Come amministrazione abbiamo chiesto alla società sportiva di accogliere l’invito di S.E. il Prefetto a ritirare la squadra dal campionato pur essendo consapevoli del grande sforzo compiuto dalla dirigenza in questi anni. Il ritiro della squadra dal campionato non è una resa alla violenza, ma un gesto di grande responsabilità sociale finalizzato al recupero dei principali valori dello sport" riportava un comunicato di qualche giorno fa. Una richiesta unica e rara visto che in altre occasioni simili non è stata mai proferita dalle amministrazioni coinvolte. Non ci risulta, infatti, che altre compagini, alcune della massima serie, siano state ritirate dai rispettivi campionati per situazioni simili e non capiamo il perché lo dovrebbe fare la compagine vulturina, quasi fosse l'unica "colpevole" del comportamento di pochi facinorosi. L'episodio è da condannare senza se e senza ma e, sicuramente, la magistratura saprà individuare e punire in maniera esemplare coloro che si sono macchiati di azioni che nulla hanno a che vedere con il calcio, anche perché non crediamo che il "pallone" produca criminalità ma probabilmente è la criminalità che utilizza il calcio. Infine, non crediamo che il sistema politico, in alcune sue componenti, per quello che mostra quotidianamente in tv e con dichiarazioni spesso sopra le righe, possa ergersi a paladino della moralità. Nel frattempo, ai campionati dilettantistici lucani è stato imposto, giustamente, un turno di riposo: nel silenzio e nel vuoto degli stadi dovremmo tutti riflettere...

Il Potenza. Si continua a giocare e a parlare di calcio. Al Viviani la Curva Ovest resta in un silenzio di riflessione e anche la tifoseria biscegliese rende omaggio al tifoso della Vultur. La pioggia non invita i tifosi potentini a scendere al vetusto "Campo Sportivo" cittadino ma 2.500 spettatori sono comunque presenti per vedere un monologo dei rossoblu che non riescono a finalizzare fino a quando França non decide di dare la svolta al match e il Potenza, in un colpo solo, recupera 2 punti a tutte le squadre che la sopravanzano, agganciano il Monopoli al terzo posto e puntano la coppia Bari-Ternana a tre punti di distanza. I rossoblu hanno tirato 16 volte verso la porta avversaria contro le 4 dei pugliesi, battuto 7 calci d'angolo contro uno solo dei nerazzurri, hanno effettuato un tiro ogni 6' e 55'' mentre il Bisceglie solo ogni 22' 30'. Insomma, se non proprio un monologo poco ci manca. Buon esordio dell'ultimo arrivato Golfo che con suo assist, seppur involontario, ha permesso al brasiliano di insaccare alle spalle di Casadei. Ha ragione Raffaele, abbiamo raggiunto la salvezza, siamo a pochi punti dalla matematica certezza della partecipazione ai playoff per la seconda volta in due partecipazioni alla serie C, ci confrontiamo alla pari, almeno sul campo, con società che hanno speso e spendono anche dieci volte di quanto ha investito il Potenza nella campagna ingaggi, dobbiamo goderci questo momento, questa incredibile stagione e ogni istante del campionato.
Un ringraziamento al giovane pipelet Sebastian Breza che dopo tre anni indimenticabili in casacca rossoblu ha l'occasione della sua carriera: volare in A con la maglia del Bologna che avrebbe, in queste occasioni è meglio usare il condizionale, chiuso l'ingaggio per un prestito gratuito con riscatto a fine stagione a proprio favore. Un successo anche per la società che ha creduto nel biondo portierone canadese e che può iniziare a raccogliere i frutti di questa politica. Intanto, domenica altra gara casalinga con l'arrivo del Rieti, rinvigorito dalla sorprendente vittoria sulla Casertana, con la possibilità per gli uomini di Caiata di fare un altro passo verso un traguardo storico e migliorando quanto fatto la scorsa stagione.

Il Campionato. Big match al Granillo e pareggio per 1-1 tra Reggina e Bari con i calabresi che hanno a lungo contestato il pareggio di Perrotta arrivato al termine della gara quando gli amaranto già pregustavano il KO definitivo al campionato grazie al vantaggio del solito Denis. Ottima prova del Picenro ad Avellino, pareggio in rimonta e miracolo al 95' del portiere biancoverde Dini che salva il risultato, avrebbe meritato di più. Monopoli e Ternana si annullano e sprecano l'occasione per avvicinarsi alla battistrada. Spicca la vittoria del fanalino di coda Rieti ai danni della blasonata Casertana. Fino ad ora, in questo 2020, restano imbattute, dopo 4 giornate, Bari, Ternana, Virtus Francavilla e Picerno.
La prossima giornata prevede i derby tra Bari e Virtus Francavilla e tra Vibonese e Reggina, il Picerno va a Caserta per continuare la risalita e avvicinarsi proprio ai falchetti. La Ternana ospita la Sicula Leonzio. Un campionato difficilissimo ma, allo stesso tempo, affascinante.

Sezione: Editoriale / Data: Lun 27 Gennaio 2020 alle 00:00
Autore: Rosario Cammarota
Vedi letture
Print