Serie C molte squadre in bilico...

18.06.2018 13:14 di Redazione TTP Twitter:    Vedi letture
Fonte: news.superscommesse.it
Serie C molte squadre in bilico...

La prima scadenza per l'iscrizione alla prossima Serie C è stata quella del 15 giugno scorso ed era quella di presentare alla Lega i documenti e i pagamenti necessari (60 mila euro l’iscrizione, 350 mila euro la fideiussione di garanzia); invece entro il 20 giugno scadono i termini per la documentazione relativa allo stadio. Infine entro il 26 giugno vanno saldati giocatori e dipendenti fino alla mensilità di maggio.
Dopo queste scadenze, fatti salvi i ricorsi per eventuali esclusioni, si procederà con i ripescaggi per il completamento degli organici e la composizione dei gironi.

Attualmente la squadra messa peggio è la Juve Stabia dove il patron del club campano Franco Manniello ha annunciato la sua uscita di scena se non arriveranno nuovi soci, oltretutto filtrano voci che parlano di un milione e mezzo di debiti che metterebbero a serio rischio l’iscrizione.

Ma anche la Reggiana è in ansia per il futuro, perchè il presidente Mike Piazza ha annunciato di aver messo in vendita il club e serve un milione per l’iscrizione al campionato e il tempo stringe; stessa situazione anche per la Pro Piacenza con il patron Alberto Burzoni che ha confermato il suo disimpegno, ma a differenza della Reggiana, i piacentini sono una società limpida e senza debiti e l’avvocato del club Di Cintio ha precisato che sono arrivate due offerte per l’acquisizione della società che saranno valutate.

Un’altra squadra che non se la passa bene è il Mestre, dove la trattative per la cessione della società sono bloccate e secondo voci di corridoio venete, il club rischia seriamente di non iscriversi e sarebbe un peccato per il club veneziano che solo un anno fa festeggiava la promozione in Serie C dopo aver vinto il campionato di Serie D.

Ritornando al sud c’è il Trapani, che solo due anni fa sfiorò la serie B (serie A NdR) perdendo la finale play off contro il Pescara, con il presidente Vittorio Morace che dopo dodici anni ha deciso di lasciare e in un comunicato di pochi giorni fa ha dichiarato che non ha più la forza di andare avanti: decisivi i guai giudiziari che hanno coinvolto tanto la stessa famiglia Morace, quanto la Liberty Lines (società ad essa legata), ma il tempo stringe e serve un nuovo proprietario che possa iscrivere la squadra siciliana al campionato.

Infine c’è il Bisceglie che sarebbe pronto a non presentare la domanda di ammissione qualora non dovessero avere l’agilità dello stadio Comunale “Gustavo Ventura“, ma circolano voci che c’è una sorte di collegamento di questa situazione negativa, tra i nerazzurri biscegliesi e quella del Bari del plurindagato presidente Giancaspro.

Infine per quanto riguarda i ripescaggi si procederà così: precedenza a una squadra B (seconda squadra), poi a una retrocessa in D e infine a una delle squadre vincenti dei play off di Serie D; in questo momento le squadre in testa sarebbero: Juventus B, Prato e Cavese, ricordando che le squadre B per iscriversi al campionato dovranno pagare 1.200.000 euro a fronte dei 300.000 richiesti alle squadre “normali”.