Senza nulla togliere ai meriti di una grande prestazione del nostro Potenza, domenica scorsa con un perentorio 4 a 0 abbiamo disilluso le velleità calcistiche di una squadra apparentemente ben organizzata, ma che ha palesato dei limiti tattici evidenti.

La squadra di mister Modica (scuola Zeman) si è presentata al “Viviani” con la presunzione di chi dall’alto delle sue teorie innovative vuole insegnare calcio ai meno esperti.

Con una difesa alta, con troppa fretta di verticalizzare e con lanci lunghi per uscire dalla pressione che Coccia, Coppola, Dettori e & compagni hanno eseguito alla perfezione, i loro attaccanti non hanno mai avuto il tempo di ben posizionarsi per fare progredire il gioco. Statici, inconcludenti e prigionieri dei propri schemi, incapaci a creare gioco perché bloccati da un centrocampo rossoblù devastante.

Mister Raffaele invece ha ben studiato l’avversario e organizzato le controttattiche necessarie per ricercare la PROFONDITA’. Un tecnico che è in grado di adattarsi al gioco dell’avversario e di cambiare più volte modulo “partita durante” (non è stato questo il caso), perché bravo e intelligente a LEGGERE i momenti dell’incontro.

In verità in altre partite il nostro tecnico ha mostrato qualche difficoltà a scardinare le difese più chiuse ( vedi Rieti, Bisceglie, Monopoli), ma domenica scorsa ha dato sfoggio di competenza tecnica ricercando la verticalità diretta e così avere una maggiore produzione offensiva. Da qui i quattro gol convalidati e i tre annullati.

Un consiglio alle future compagini che varcheranno lo stadio Viviani: PENSATECI DUE VOLTE PRIMA DI SCHIERARE UNA DIFESA ALTA SENZA LA NECESSARIA ESPERIENZA E  COORDINAZIONE.

Forza Potenza.

Lgt. c.s. Antonio FALIERO

Sezione: L'angolo dei tifosi / Data: Mar 9 Aprile 2019 alle 18:00 / Fonte: Lgt. c.s. Antonio FALIERO
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print