Nardò: si sciolgono i South Boys 2002...

 di Redazione TuttoPotenza Twitter:   articolo letto 226 volte
Foto Nestola.
Foto Nestola.

“Il gruppo organizzato South Boys 2002 comunica che in data 12 giugno 2017 si è giunti alla conclusione di fermare il nostro percorso ultras e di sciogliere il gruppo dopo 15 anni di attività intensa e sempre a sostegno della maglia granata”. Questa la decisione, del tutto inattesa, del gruppo organizzato della tifoseria neretina.

“Potremmo ‘mascherare’ la nostra decisione – prosegue il comunicato diramato dai South Boys 2002 –individuando un nemico a cui attribuire la colpa del nostro stop. La repressione, le diffide o un calcio sempre più indirizzato verso il business, preferiamo invece, come nel nostro stile, essere sinceri e motivare la nostra scelta con le vere ragioni che ci portano a concludere un ciclo durato 15 anni. Con responsabilità, senso di appartenenza e oggettività ci troviamo ‘semplicemente’ ad analizzare la fine di un ciclo. Lo facciamo con la serenità di chi sa quanto importanti siano stati questi anni per tutto il panorama ultras neretino e non. Con la serenità di chi sa di aver dato tutto per la propria maglia, per i propri ideali. Con la consapevolezza di essere stati importanti, determinanti anche nella rinascita del calcio neretino. 

Per scelta abbiamo deciso di essere terribilmente ‘unici’ nel nostro stile e nel nostro essere. Non eravamo noi a guardare il mondo esterno, non eravamo noi ad omologarci ad una ‘mentalità’ tanto decantata quanto defraudata. Noi abbiamo deciso negli anni di essere noi, semplicemente noi, con i nostri pregi ed i nostri difetti. Per anni ci siamo creati un identità ben precisa. Oggi non siamo pronti ad essere come tutti, non siamo pronti a barattare il nostro essere per seguire una moda mascherata da mentalità. Piuttosto preferiamo analizzare con oggettività l’esaurimento della linfa vitale di un gruppo che ci ha regalato emozioni, gioie e dolori. Basti pensare che la mano che scrive questo ultimo comunicato è la stessa che ha scritto il primo. Non faremo la cronistoria delle nostre imprese e dei nostri insuccessi. Questo lo teniamo per noi. Lo teniamo nelle nostre menti e nei nostri cuori. Questi 15 anni non lasciano in noi un vuoto, anzi riempiono le nostre memorie come fino ad oggi hanno riempito le nostre giornate.  I South Boys 2002 si fermano qui, in una giornata calda di giugno, dopo 15 anni di lotte, di appartenenza, di fratellanza, di orgoglio e di passione.

Se per le vicissitudini della vita non possiamo più ‘essere’ preferiamo fermarci con dignità piuttosto che ‘apparire’. Ringraziamo che in questi anni ha fatto dei South Boys una ragione di vita. Ringraziamo chi ha fatto dei South Boys solo una parentesi più o meno lunga. Ringraziamo chi ha percorso tutto il cammino e chi ne ha percorso solo una parte. Ringraziamo chi, anche solo per un istante, si è sentito parte di noi e si è riconosciuto sotto il nostro simbolo. Ringraziamo i fratelli di Martina Franca. Non si tratta di un semplice gemellaggio ma di un unione fra due città. Siamo orgogliosi di essere stati fianco a fianco in questo cammino. Ringraziamo i gruppi ultras di Messina, Manduria, Galatina, Cerignola e Taurisano, con i quali si è instaurato un rapporto vero fatto di rispetto e unione di valori. In fine ringraziamo i nemici, i tanti nemici a cui auguriamo lunga vita. Il nostro striscione apparirà solo in occasione del torneo ultras “U3” a Vercelli. Torneo che solo un anno fa venne organizzato dal nostro gruppo a Nardò. Abbiamo preso un impegno e come nel nostro stile lo manterremo. Sarà l’ultima uscita del nostro striscione così meravigliosamente consumato dagli anni, dai chilometri, dalla pioggia, dal sole, dalle nostre lacrime e dalle nostre gioie.

Ci fermiamo qui. Senza rancori e senza malinconia, con la consapevolezza di aver dato tutto e di essere l’unico gruppo ultras attivo che in un paese strano come il nostro, ha avuto la forza e le basi per durare 15 lunghi anni. Presto faremo una festa per festeggiare la nostra storia… South Boys 2002 UNICI IN TUTTO!!!”