Di seguito la Top 11 di TuttoMercatoWeb dopo la terza giornata di campionato nel girone C:

Portiere

Diamante Crispino (Casertana): attento in avvio su Zenuni, nulla può sulla rete del pareggio. Tiene a galla la squadra con almeno altri due interventi determinanti nella ripresa.

Difensori

Andrea Malberti (Vibonese): la Cavese la pareggia al 92’ con Di Roberto, ma nulla cancella la buona prova del talento scuola Milan blindato in estate dalla società nonostante le sirene della B. Sblocca il risultato al 35’ consentendo ai compagni di sciogliersi dopo la brutta figura casalinga della settimana scorsa.

Antonio Giosa (Potenza): era la gara forse più interessante della giornata, giocata in un clima infuocato dopo le polemiche della passata stagione. Il trentaseienne centrale potentino si toglie qualche sassolino dalle scarpe siglando il meritato vantaggio al 12’ con un perfetto colpo di testa su calcio d’angolo.

Nebil Caidi (Picerno): la terribile neopromossa andava a giocare sul campo di una squadra reduce dall’impresa del San Nicola. CI pensa lui a scacciare via ogni paura con un perfetto colpo di testa che vale lo 0-1. Tre punti fondamentali che portano soprattutto la sua firma.

Aniello Panariello (Paganese): segnare il gol del pareggio a fine primo tempo ha permesso agli azzurrostellati di giocare una ripresa attenta e di grande sostanza. Merito del difensore napoletano che, di testa, ha colpito imparabilmente da centro area sfruttando uno schema su palla inattiva.

Centrocampisti

Claudiu Mivoski (Avellino): sfrutta l’assist al bacio di Rossetti e insacca alle spalle dell’incolpevole Tomei. Accende il Partenio con alcune giocate di grandissimo spessore, ha qualità importanti che lo rendono un gioiellino per la Lega Pro.

Niccolò Bianchi (Reggina): torna a segnare in quello stadio che lo ha visto protagonista assoluto negli anni d’oro amaranto, conferma del fatto che l’età non conta se hai la testa giusta. E proprio di testa sigla il 3-0 sfruttando un perfetto lancio di Bellomo.

Nermin Karic (Avellino): non poteva sognare un esordio migliore, è lui a chiudere la pratica Teramo e a far esplodere la festa del pubblico biancoverde. Il suo destro all’angolino basso è di rara potenza e precisione, nella circostanza molto bravo anche Di Paolantonio.

Aniello Salzano (Ternana): “Abbiamo vinto meritatamente contro un avversario ostico, ma dobbiamo essere più svegli” ha detto in sala stampa, usando bastone e carota da vero leader. Il suo rigore regala tre punti importantissimi che permettono di alimentare un grande sogno pur essendo soltanto alla terza giornata.

Attaccanti

Mirko Antenucci (Bari): salva i biancorossi dai primi fischi stagionali, probabilmente salva anche la panchina di un allenatore contestato anche quando stravinceva in D. Avere in Lega Pro gente con il suo carattere fa la differenza anche quando ti fischiano un rigore al 95’ e devi essere freddo nella realizzazione.

Anthony Partipilo (Ternana): si accorge prima di tutti dell’errato posizionamento della difesa del Rende e così, presa palla sugli sviluppi di un fallo laterale, è bravissimo ad incunearsi immediatamente in area e battere il portiere con un sinistro imprendibile.

Allenatore

Giovanni Ignoffo (Avellino): sta guidando con saggezza e competenza un gruppo che doveva essere assolutamente isolato dalle problematiche esterne. Mentre tutti parlavano di mercato, lui era bravo a caricare i calciatori a disposizione facendoli sentire importanti. Dopo l’esordio shock col Catania poteva esserci un crollo, i sei punti conquistati in due gare fanno invece capire che alla base c’è un lavoro decisamente importante dello staff tecnico.

Sezione: Primo Piano / Data: Mar 10 Settembre 2019 alle 20:15 / Fonte: Tuttomercatoweb.com
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print