Godiamoci questo Potenza,questa settimana,questi giorni.Con la testa sott’acqua e il respiro che manca, galleggiando in apnea. Avanzando ad occhi chiusi ma pur sempre procedendo, a tentoni. Camminando su un terreno che manca sotto i piedi, fluttuando.Domenica si va a Bari non da Cenerentola ma da leone che si trova davanti al galletto.Il Potenza va, in qualsiasi modo ma va, spinto da una brezza che profuma di anno buono, quello che capita una volta ogni vent’anni ma capita.In questo periodo in città la ragione cede il passo all’irrazionalità dato che quel colpo di testa a tempo scaduto di Pitarresi del Picerno che ha regalato i tre punti al Potenza non può, proprio non può, essere solo improvvisazione. È stato scritto da qualche parte, è stato provato prima di andare in scena con Carlos França che è stato l'attore protagonista di un flim tanto bello quanto "assurdo".È il segno di un’annata in cui tutto sembra girare per il verso giusto, di un campionato che ha fatto salire sulla giostra il Potenza e lo ha fatto ballare. Ma ora che i lucani danzano, anche senza musica, chiunque guardi balla con loro...ed i rosso-blù vogliono se possibile fare ballare anche il Bari.

Sezione: Primo Piano / Data: Mer 4 Dicembre 2019 alle 22:06
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print