Il Viviani, croce e delizia...

30.08.2018 13:28 di Redazione TTP Twitter:   articolo letto 1636 volte
Il Viviani, croce e delizia...

La storia del Potenza è stata costellata di successi come la Serie B, di delusioni come l'Eccellenza e, in tutte queste situazioni, lo storico Stadio Viviani è stato il palcoscenico naturale nel bene e nel male. Spesso, però, le amministrazioni che si sono succedute negli anni lo hanno trattato male, anzi peggio...
Considerando solo le ultime "riqualificazioni" abbiamo in bella mostra i distinti "a metà" probabilmente unico caso "progettuale" che sicuramente ha richiesto tanto dispendio di energie da parte di chi lo ha pensato, la realizzazione del sintetico che solo grazie ai tifosi/direttori dei lavori si è messo, in corso d'opera, a norma con le dimensioni. Oggi sono state montate le torri di illuminazione solo due e sul lato tribuna. Sono imponenti, molto alte rispetto alla struttura e più impattanti delle precedenti, invece sul lato distinti -che restano monchi- sono state lasciate le vecchie torri. Anche il prefabbricato per il GOS sembra fuori da ogni logica estetica... Dall'altro lato le considerazioni positive vanno ai nuovi spogliatoi con la struttura per la stampa e all'aver eliminato le altissime reti davanti alla Curva Ovest e al settore ospiti

Ma tant'è. "Non ci sono soldi" la risposta ricorrente. Ma se il Comune non dà le opportunità alle società di poter crescere ed emergere con strutture adeguate anche il miglior imprenditore sportivo del mondo rinuncerebbe. A Potenza, forse, non si è mai pensato in maniera programmatica ma solo per tamponare l'emergenza o "il fastidio" dei successi che, per fortuna, ci sono stati e, ci auguriamo, ci saranno e delle relative messe a norma. Forse è giunto il momento di pensare a una nuova struttura che non contempli l'ennesima ristrutturazione dello storico stadio cittadino...

Infine l'ultima annotazione sui tempi: ancora una volta la società ha perduto incassi per amichevoli non disputate perchè non si è proceduto per tempo ad espletare gare e poi affidare i lavori (V&V persero circa 100 mila euro per l'indisponibilità del Viviani) e, per "fortuna", l'inizio del campionato è stato rinviato...