La Premier League riprenderà con ogni probabilità a giugno e con essa (forse) le altre maggiori divisioni della Football League. E se i campionati professionistici coltivano ancora una speranza di andare in campo per concludere la stagione, l'emergenza sanitaria scatenatasi a causa del Coronavirus ha messo la parola fine su tutti i tornei della National League in giù. La quinta serie d'Oltremanica – la più alta del livello semi-professionistico – è la punta dell'iceberg del cosiddetto sistema della "non league".

Il sipario su questa fetta di calcio, compreso l'intero movimento femminile, cala adesso, in anticipo rispetto alla scadenza naturale. Il motivo? Il rinvio dei match (procrastinati a data da destinarsi per la diffusione del Covid-19), l'impossibilità di trovare la migliore organizzazione per incastrare le date in calendario, concludere le competizioni e soprattutto la preoccupante evoluzione della curva dei contagi hanno portato alla decisione più drastica.

Lo ha annunciato la Football Association in un comunicato ufficiale pubblicato sul proprio sito: non ci saranno promozioni né retrocessioni, le classifiche vengono azzerate. Tutta l'attività di base è stata fermata. Non si può andare avanti in condizioni di sicurezza né ipotizzare tempi di recupero. Anzi, le norme più restrittive adottate dal governo inglese non lasciano molti margini per il futuro immediato.

La Football Association – si legge nella nota di queste ore redatta dalla federazione britannica – continuerà ad assistere e sostenere la Lega Nazionale per determinare il risultato della sua stagione 2019-2020 il più rapidamente possibile. Restiamo in consultazione con il consiglio e le squadre della Barclays FA Women's Super League e FA Women's Championship in merito al modo più appropriato per completare la stagione in corso.

Sezione: Primo Piano / Data: Gio 26 Marzo 2020 alle 19:20 / Fonte: calcio.fanpage.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print