Chiamatela pure tecnologia del gol. Dopo il 5-1 contro il Rieti che porta la squadra di Giacomo Modica in zona playoff, in Calabria se ne sono resi conto per davvero: questa Vibonese è capace di tutto, soprattutto di divertire. 29 gol fatti (e 21 subiti) in 14 partite: il miglior attacco della Serie C insieme a quello della Reggina, il secondo d'Italia dietro a quello dell'Atalanta.

Dietro alla giostra attivata dall'allenatore scuola Zeman, non c'è solo tanto lavoro sul campo. Il segreto si chiama computer. Un’idea nata dal football americano e dal rugby, importata in Italia da Sarri ai tempi di Empoli e proposta ora a Vibo dallo staff di Modica. La semplice applicazione vibonese si chiama drone. Perché dall’alto si vedono tutti gli errori e tutti i difetti: schemi, e movimenti possono così essere analizzati e corretti in tempo reale.

E il drone rossoblù si alza quasi ogni giorno a Vibo Marina, specie nel corso delle sedute tecnico-tattiche. Modica e i suoi collaboratori utilizzano le immagini riprese dal cielo e filmano gran parte degli allenamenti. Lì, si scopre l'uomo in più della Vibonese. Né un goleador né un regista: è Piero Giacalone, che dalla tribuna stampa osserva le mosse di Bubas e compagni. Guarda le partite e si sofferma sui difetti. Riprende, annota e suggerisce. E’ il match analist da cui parte il lavoro di squadra. Una perfetta macchina da gol di nome Vibonese.

Sezione: Primo Piano / Data: Gio 14 Novembre 2019 alle 20:53 / Fonte: Gianlucadimarzio.com
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print