Il presidente dell'Arezzo La Cava è stato aggredito nel prepartita del match play off tra Viterbese e Arezzo. Il numero uno del club toscano è stato trasferito poi in ospedale e a quanto riportano le cronache è stato raggiunto da un pugno alle spalle dopo aver imboccato il tunnel degli spogliatoi. La Cava si era diretto insieme ai dirigenti Testini e Pieroni sotto il settore ospiti per salutare, come è solito fare, i tifosi aretini. Al suo ritorno verso gli spogliatoi, dalla tribuna sono arrivati insulti e anche qualcuno degli addetti ai lavori, presente sul rettangolo verde, non le ha mandate a dire al numero uno del Cavallino.Puntuale poi sono arrivate le decisioni del giudice sportivo che hanno punito chi ha compiuto il vile gesto e cioè il figlio del presidente della Viterbese Camilli squalificato per cinque anni.

INIBIZIONE A SVOLGERE OGNI ATTIVITA’ IN SENO ALLA F.I.G.C. A RICOPRIRE CARICHE FEDERALI ED A RAPPRESENTARE LA SOCIETA’ NELL’AMBITO FEDERALE A TUTTO 22 MAGGIO 2024 E AMMENDA € 30.000,00:

CAMILLI LUCIANO (VITERBESE CASTRENSE) perché, antecedentemente all’inizio della gara, in prossimità del tunnel che conduce agli spogliatoi, aggrediva prima spingendolo alle spalle e poi con calci alle gambe, il Presidente dell'Arezzo Sig. Giorgio La Cava. Successivamente, raggiunta l'estremità opposta del tunnel, aggrediva nuovamente il Sig. Giorgio La Cava colpendolo con estrema violenza con un pugno al capo. Il Signor La Cava cadeva a terra, accusando un malore e veniva soccorso dai sanitari in servizio presso l'impianto (avvisati dal delegato di Lega). Prestate le prime cure sul posto, veniva successivamente trasportato con ambulanza in ospedale per ulteriori accertamenti (r.proc.fed.,r.c.c.,).

Sezione: Primo Piano / Data: Gio 23 Maggio 2019 alle 20:41
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print