La migliore risposta è venuta dal campo, dai leoni scesi nell'arena di Viterbo che hanno, in un sol colpo, spazzato critiche e "trombonisti" ... e si, perché ultimamente a Potenza il trombone è lo strumento più utilizzato, in assoli concertistici, nelle varie piazze e arene, con svariate sfumature di suoni ma un unico spartito: "La Lions Arena non s'ha da fare" e “il Potenza è finito”. Un manipolo di "Bravi" sguinzagliati dai signorotti di turno che vogliono, per "partito" preso, andare contro chi è accusato di ledere non ben definiti "interessi della collettività".

Ora spetta alle Istituzioni decidere e, principalmente, dare una risposta concreta alle esigenze della maggior squadra di calcio della regione, che muove migliaia di persone e che è un veicolo promozionale incredibile per il territorio...
Infine, ci aspettiamo che parta la progettazione e la realizzazione del nuovo parco per la città, nell'area dell'ex Cip-Zoo, così da divertirci tutti rotolando sull'erba fresca sotto i raggi del sole e facendo picnic all’ombra degli alberi.

[voceroca]

Sezione: Primo Piano / Data: Dom 23 Febbraio 2020 alle 19:10
Autore: Redazione TTP / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print