Sono giunte le sanzioni del Giudice Sportivo dopo la nona giornata di Serie C. In casa Catanzaro sono due gli squalificati che salteranno il match contro il Potenza capolista. Oltre a Martinelli espulso in seguito al doppio giallo, anche Andrea Bianchimano ha rimediato il cartellino rosso, ma a fine gara. Si legge, infatti, nella delibera del Giudice Sportivo che al rientro negli spogliatoi al termine della gara rivolgeva frasi e gesti osceni nei confronti di tifosi della squadra avversaria. Mister Auteri, quindi, dovrà trovare una soluzione per capire chi dovrà sostituire l’attaccante che, ormai, sembrava essersi impadronito del posto da titolare al centro del reparto offensivo. Il tecnico ha ricevuto il suo secondo giallo, dopo quello rimediato con la Virtus Francavilla.

Sanzioni anche in casa Reggina, oltre al turno di squalifica per l’espulso De Rose. Sono stati inibiti tre dirigenti: Massimo Taibi e Matteo Patti fino al 3 dicembre, Andrea Gianni fino al 25 ottobre.

Per quanto riguarda Patti – che ha vestito la maglia del Catanzaro da gennaio 2016 a giugno 2017, indossando pure la fascia da capitano – al rientro negli spogliatoi al termine del primo tempo, sferrava un calcio a un tesserato della squadra avversaria (il tecnico in seconda Cassia). Indenne il presidente Gallo – protagonista a fine gara del brutto episodio della maglia offensiva rivolta ai giallorossi – ma non la Reggina. Il Giudice Sportivo ha comminato un’ammenda di 7500 euro perché propri sostenitori, numerose volte durante la gara, intonavano cori di discriminazione territoriale nei confronti della squadra avversaria, approvati con applausi; gli stessi venivano ripetuti anche dopo gli annunci dissuasori dello speaker; perché persona non identificata ma riconducibile alla società proferiva frasi offensive nei confronti degli avversari.

Sezione: Primo Piano / Data: Mar 15 Ottobre 2019 alle 22:11 / Fonte: usacatanzaro.net
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print