Sessanta squadre per la serie C 2019/20 ci sono. Ma bisognerà vedere se si iscriveranno tutte quante, se qualcuna darà forfait (come sembra) e, nell'evenienza, come e con quali modalità verranno effettuati i ripescaggi.

A oggi, infatti, alcuni club sono in crisi nera. L'Arzachena, per esempio, è in bilico. Il presidente Menio Fiorini ha lanciato un appello: ''qualcuno si muova o l’Arzachena morirà. Da soli non possiamo più andare avanti, ma siamo disponibili a incontrare chiunque propone soluzioni a sostegno del progetto avviato da qualche anno''.

Ancora peggio, nonostante la salvezza ai play-out, è messa la Lucchese. Il 39 enne Josef Ferrando, interessato a rilevare il club, deve versare tra stipendi, contributi, sbilanciamento, tasse una cifra che ammonta a circa un milione e 300mila euro. Sul piano civilistico, entro il 22 luglio la società, ceduta a un euro da Aldo Castelli (che l’aveva acquistata il 17 dicembre da Città Digitali, la tv del patron Arnaldo Moriconi, per lo stesso importo) a Ferrando, dovrà presentare un piano concordatario che preveda il soddisfacimento dei crediti a fornitori e all’erario. Piano che poi dovrà essere accettato dai creditori per ottenere l’omologa del tribunale, pena il fallimento che aggiungerebbe caos al caos.

Poi c'è la Viterbese di Piero Camilli, il quale ha ribadito che non vuole iscriversi. Finora nessuna trattativa è andata a buon fine: “Tutti avventurieri. Al momento di valido non si è presentato nessuno. Noi abbiamo pagato tutti, i conti sono in regola e la società è sana. Vedremo cosa succederà. Il discorso è sempre il solito: a Viterbo la serie C non si può fare”.

Ancora da definire il quadro societario per il Siracusa, dove l'iscrizione resta un rebus irrisolto. Questa la suddivisione geografica delle sessanta squadre a oggi.

TRENTINO (1): Sudtirol 
LOMBARDIA (9): Albinoleffe, Como, FeralpiSalò, Giana Erminio, Lecco, Monza, Pergolettese, Pro Patria, Renate
PIEMONTE (5): Alessandria, Gozzano, Juventus U23, Novara, Pro Vercelli 
VENETO (4): Arzignano, Padova, Venezia, Vicenza 
FRIULI (1): Triestina 
LIGURIA (1): Albissola 
EMILIA ROMAGNA (6): Carpi, Cesena, Imolese, Piacenza, Ravenna, Rimini 
TOSCANA (7): Arezzo, Carrarese, Lucchese, Pianese, Pistoiese, Pontedera, Siena
SARDEGNA (2): Arzachena, Olbia
MARCHE (3): Fermana, Sambenedettese, Vis Pesaro
ABRUZZO (1): Teramo
UMBRIA (2): Gubbio, Ternana
LAZIO (2): Rieti, Viterbese
CAMPANIA (3): Avellino, Casertana, Cavese
PUGLIA (4): Bari, Foggia, Monopoli, Virtus Francavilla 
BASILICATA (2): Picerno, Potenza
CALABRIA (4): Catanzaro, Reggina, Rende, Vibonese 
SICILIA (3): Catania, Sicula Leonzio, Siracusa 

CRITERI RIPESCAGGIO - Per il ripescaggio al Campionato di Lega Pro – Divisione Unica 2019/2020, in caso di vacanza di organico, saranno ammesse in ordine alternato una società che abbia disputato il campionato di Interregionale nella stagione sportiva 2018/2019, seguendo la graduatoria predisposta dalla L.N.D., secondo apposito regolamento approvato dal Consiglio Federale, ed una società retrocessa dalla Lega Pro – Divisione Unica.

Sezione: Primo Piano / Data: Lun 17 Giugno 2019 alle 21:37 / Fonte: amarantomagazine.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print