Taranto-Cerignola: attacchi da urlo!

 di Manuel Scalese Twitter:   articolo letto 2203 volte
Taranto-Cerignola: attacchi da urlo!

L'attaccante è colui che tra gli undici atleti schierati in campo vanta da sempre un irrefrenabile ascendente sui tifosi. L'attaccante è colui che fa palpitare il cuore degli appassionati accorsi allo stadio, seduti sul divano o attaccati alla radiolina. L'attaccante è il materializzatore di sogni per eccellenza, colui che prende per mano il tifoso trascinandolo nella dimensione onirica del piacere.

E in attesa che il Potenza piazzi i primi colpi in attacco che riaccendano l'entusiasmo del tifo rossoblu, c'è chi invece si è portato già avanti ed ha allestito un reparto offensivo da urlo. Il riferimento non è puramente casuale, ci rivolgiamo infatti a Taranto e Cerignola.

Partendo dal Taranto, la formazione pugliese vuol subito far ritorno nei professionisti e per farlo non vuol lasciare nulla al caso con l'ingaggio di un autentico amuleto delle promozioni e uno tra gli attaccanti più forti e prolifici di tutta la categoria. Parliamo di Manuel Pera, terminale offensivo classe '84 che nell'ultima stagione ha siglato 23 reti con la maglia del Matelica. Ma come si suol dire la "Pera" non casca mai lontano dall'albero visto che l'attaccante di Lammari, in provincia di Lucca, ha racimolato 81 reti nelle ultime tre stagioni, 209 su 380 partite tra serie D e serie C. Numeri pazzeschi che la dicono lunga sulla vena realizzativa del bomber toscano. Ma Pera non è solo e sarà ben supportato da Bojan Aleksic e Santiago Dorato, rispettivamente ex Francavilla e Palmese. Del primo conosciamo bene le innate doti fisiche e le squisite qualità tecniche, troppo spesso però frenate dagli infortuni con Aleksic che cercherà la sua definitiva consacrazione nella città dei due mari. Santiago Dorato invece è un delantero argentino dell' '86 e nella scorsa stagione ha messo a segno 12 centri con la maglia della Palmese. In carriera anche due stagioni a Roccella in serie D(24 gol in 63 presenze) e diverse annate in Eccellenza tra le fila del Guardavalle. Ma non ci sarà soltanto il trio da urlo Aleksic-Pera-Dorato ad infiammare lo Iacovone, perchè il Taranto potrà contare anche sull'esterno di attacco Savanarola, sull'altro ex sinnico Ancora e sul centrocampista col vizietto del gol Scoppetta(14 reti nella passata stagione con la Palmese).

Passando al Cerignola la neopromossa società pugliese vuol fare le cose in grande e con il ds Fernandez ha dato il là ad un'ingente campagna acquisti con il chiaro intento di puntare all'approdo in serie C. Se il Taranto ha messo a segno il colpo Pera ecco che il Cerignola ha replicato con quello Anibal Montaldi, autentico valore assoluto per la categoria ed uno degli attaccanti più intelligenti tatticamente dell'intero panorama nazionale. L'argentino classe '80 è una vecchia conoscenza del girone H dopo aver vinto il campionato con la Virtus Francavilla(13 gol in 31 presenze) e con il Bisceglie nella passata stagione(21 le realizzazioni in 33 partite). L'attaccante sudamericano sarà sostenuto da un altro attaccante top che prima del suo passaggio al Cerignola sembrava ormai destinato verso la serie C. Parliamo dell'ex Frattese Fabio Longo, attaccante dell' '87 che ha realizzato ben 62 gol nelle ultime tre stagioni con la maglia dei nerostellati e in carriera vanta oltre 100 realizzazioni. Ma in casa Cerignola i gol non arriveranno soltanto dall'esplosivo tandem Montaldi-Longo, perchè l'arrivo del capitano del Matera Gaetano Iannini porterà in dote tanti gol. Si perchè Iannini, oltre ad essere un super colpo per la serie D, è un centrocampista a tutto campo con il vizietto per il gol e sono più di 70 le reti siglate in carriera tra C e D. Iannini era conteso da mezza serie C ma l'ex capitano biancazzurro ha voluto fortemente raggiungere il suo amico, e attuale ds dei pugliesi, Mariano Fernandez... e il Cerignola gongola...