Diamo la colpa agli arbitri, a volte alla sfortuna, al modulo tattico, ad una condizione precaria di alcuni giocatori, alla mancanza di reazione dopo aver subito un gol, ai continui infortuni che hanno inficiato il reparto d’attacco, diamo la colpa a tutto e a tutti!!!!

Sta di fatto che ora c’è bisogno di un’inversione di rotta.

Siamo giunti alla 14^ giornata di campionato e ci godiamo comunque un quarto posto meritato, ma è da tempo che in casa non costruiamo gioco (vedi Sicula Leonzio, Teramo, Cavese e Reggina), ci affidiamo inequivocabilmente al lancio lungo in verticale dei due centrali di difesa per innescare le fasce, saltando il centrocampo cardine focale della costruzione del gioco. In questo modo siamo troppo prevedibili e facili prede di quelle squadre che al “Viviani” vengono solo a difendersi.

Non sono un tecnico, né voglio insegnare nulla a nessuno, il tutto è una mia personale osservazione, ma è inconcepibile che una squadra che gioca in casa crei soltanto due occasioni da gol a partita, nella speranza che un’invenzione dei “giocatori più titolati” risolvi il tutto.

E’ pur vero che i punti in classifica a tutt’oggi li abbiamo ottenuti soprattutto grazie ad una grande difesa e ad un centrocampo “retrò”, ma in casa bisogna creare più gioco e più occasioni da rete, bisogna affidarsi ai piedi buoni dei nostri centrocampisti perché è a centrocampo che si vincono e/o si perdono le partite.

I tifosi potentini meritano di vedere la loro squadra lottare, vincere e giocare bene, non soccombere passivamente né tantomeno aspettare l’avversario per ripartire.

Forza “Mister Raffaele”, noi crediamo in te, smentiscici sul campo sin da subito, anche perché il primo a pagarne le conseguenze, in caso di ulteriori risultati negativi, è sempre l’allenatore e NOI QUESTO NON LO VOGLIAMO.

Sempre Forza Potenza.                                                         

Lgt. c.s. Faliero Antonio

Sezione: L'angolo dei tifosi / Data: Mar 05 novembre 2019 alle 22:05 / Fonte: Lgt. c.s. Faliero Antonio
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print