Il consigliere regionale di Fratelli d'Italia, Rocco Luigi Leone, tra i più suffragati in provincia di Matera alle scorse regionali, si è autosospeso per due settimane dalle attività dell'assise e delle commissioni dopo aver pronunciato ieri una frase sessista in cui parlava dell'assessore alle infrastrutture Donatella Merra.

La frase è stata detta ad alcuni consiglieri ma è stata ascoltata perché il microfono era aperto. Nei suoi confronti l'ufficio di presidenza ha comunicato una convocazione per adottare le azioni disciplinari conseguenti. La decisione di Leone ha anticipato i tempi.

"In vista della prossima convocazione dell'ufficio di presidenza del Consiglio regionale - ha detto - nonostante nel mio contegno non si ravvisino gli estremi delle previsioni di cui al comma quinto dell'articolo 59 del regolamento interno del Consiglio regionale, comunico l'intenzione di astenermi, a titolo di autocensura, dalla partecipazione alle sedute del Consiglio e delle commissioni per due settimane a decorrere dalla data di ieri, rinunciando ai corrispondenti emolumenti". Leone ha rivolto "le scuse all'assessore Merra e, in genere, a tutte le donne, alle mamme e ai lucani e all'intero Consiglio regionale, già espresse in una nota questa mattina - ha detto ancora - e sono pronto da uomo delle istituzioni a pagare le conseguenze della leggerezza nel pronunciare quella pessima frase".

La battuta molto infelice ha suscitato numerose reazioni. In alcuni casi sono state chieste anche le dimissioni di Leone.

Sezione: Obiettivo Basilicata / Data: Mer 04 maggio 2022 alle 16:32 / Fonte: materalife.it
Autore: Redazione 1 TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
vedi letture
Print