Politica lucana in lutto per l’improvvisa scomparsa di Erminio Restaino deceduto ieri sera al Crob di Rionero. Aveva 68 anni. Tanti i messaggi di cordoglio a partire dagli esponenti del suo partito, il Pd, e numerosi i ricordi sui social non appena è giunta la notizia della sua scomparsa

“Ci lascia un dirigente politico arguto, schietto e generoso. In questo momento non ci sono parole che bastano per descrivere il dolore della nostra comunità. Ciao caro Erminio“.

Così Raffaele La Regina, segretario regionale del Pd, lo ricorda su Facebook

Erminio Restaino venne eletto consigliere regionale nel 2000. Due anni dopo, nel 2002, fu nominato vice presidente della giunta regionale e assessore all’ambiente e territorio. Nel 2008 l’elezioni a capogruppo del Partito democratico e durante la successiva legislatura assessore alle attività produttive fino al gennaio del 2012.

Nato a Potenza, Restaino ha militato nei gruppi giovanili della Democrazia cristiana. Nella Dc rimase fino allo scioglimento: fu fra i fondatori del Partito Popolare italiano di cui fu segretario provinciale e regionale.

Questo il ricordo di Peppino Molinari: “Ho condiviso un significativo tratto di strada umana e politica. Siamo nati a pochi giorni di distanza siamo cresciuti insieme a via Crispi ,abbiamo frequentato la parrocchia di San Rocco guidata da don Salvatore e don Vito Telesca. Insieme siamo entrati nel movimento giovanile prima e nel partito della Dc condividendo la passione politica. Insieme abbiamo scelto quando la Dc è finita il partito popolare, io segretario regionale e lui segretario provinciale. Insieme abbiamo dato vita all ulivo nel 1995 con Luongo e Pittella. Poi sempre insieme nella Margherita. Il dolore è grande è una parte di me che muore. Nel partito ha continuano il suo impegno, mettendo successivamente la sua esperienza nella fondazione con me del Movimento Popolare, del quale è stato anche segretario provinciale e regionale”.

Sezione: Obiettivo Basilicata / Data: Dom 17 luglio 2022 alle 09:49 / Fonte: lanuova.net
Autore: Redazione 1 TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
vedi letture
Print