In estate per un periodo il difensore sannita Zullo si è allenato con il Picerno ma alla fine il team melandrino decise di non tesserare il ragazzo.Domenica Picerno ed Avellino si sfideranno a Potenza e nella conferenza stampa questa mattina in terra irpina ha parlato proprio Zullo...ecco le sue parole: "Avere il pubblico del Partenio a spingerci è un'arma in più ma lo sapevo già visto il mio passato qui - ha detto -, spero insieme ai miei compagni di ripagare questo affetto nonostante le difficoltà che conosciamo". E a proposito di esperienza pregressa: "Devo ringraziare la società e tutto lo staff per quanto fatto per me già da gennaio scorso, dopo un lungo periodo di inattività era importante rimettermi in sesto e farlo in una piazza così dà stimoli incredibili.

Abbiamo un grande gruppo che lavora con sacrificio e spirito di dedizione, sappiamo che non abbiamo fatto ancora lunga perché il campionato di C è lungo e duro ma credo che siamo sulla buona strada. Ho giocato sia nella difesa a quattro sia a cinque e mi sono trovato bene in entrambi i casi, in ogni caso c'è sempre da lavorare bene e stare concentrati. Il Catania? Forse abbiamo sbagliato approccio alla partita ma ci è servita di lezione, l'importante è aver reagito bene a quello schiaffo. Abbiamo dimostrato che però ci siamo anche noi.

Domenica sarà una partita dura, il Picerno è in forma, gioca con intensità, stiamo preparando questa gara nei minimi dettagli per tenere alta l'attenzione e mantenere le distanze, sempre con il giusto equilibrio. Dobbiamo sfruttare quelle che sono le nostre caratteristiche e giocare sempre con la fame". Infine una curiosità sui calci di punizione: "Mi piace calciarli ma c'è anche Di Paolantonio. Sarebbe la mia arma in più, se posso ci provo".

Sezione: Primo Piano / Data: Mer 11 Settembre 2019 alle 20:10 / Fonte: tuttoavellino.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print