È stato "Civuddin" alla storica parata dei turchi per trent'anni. I baffi, la barba grigia - nel tempo diventata lunga e bianca - la pelle ambrata, gli occhi scuri e profondi, la bassa statura e la corporatura robusta. Alberico Corvino era perfetto nei panni del Gran Turco. La sua interpretazione è cominciata, per caso, nel 1987 e da allora nessun altro lo ha sostituito fino allo scorso anno, quando il testimone è passato a Rocco Zafarone.

Alberico era malato da tempo. Ha rinunciato al suo "Civuddin", idolo dei bambini e il più applaudito e atteso personaggio della storica parata nei giorni di festeggiamento del santo patrono, solo quando la sua condizione fisica non glielo ha più permesso. Oggi Alberico, 84 anni che era originario di Tito, è andato via nel ricordo commosso del web. Tutti hanno un ricordo con "Civuddin": una foto, un aneddoto da raccontare. "Con lui se ne va un pezzo storico della città", scrive il sindaco Mario Guarente. "Ciao Alberico - scrivono i potentini - Pure lassù sarai sempre Civuddin".A sostituire Corvino nella parata dei turchi come già accaduto nell'ultima sfilata sarà Rocco Zafarone.

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 12 Ottobre 2019 alle 20:06 / Fonte: napoli.repubblica.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print