Il Grillo parlante: "Potenza in C da costruire, dispiace per l'Agropoli e sulla Vultur dico che...".

22.06.2018 15:42 di Manuel Scalese Twitter:    Vedi letture
Il Grillo parlante: "Potenza in C da costruire, dispiace per l'Agropoli e sulla Vultur dico che...".

Impazza il calciomercato e chi meglio dell'ex calciatore e consulente del Potenza Simone Grillo per fare un punto della situazione in casa rossoblu, in quella alabardata della Triestina, in quella campana dell'Agropoli e della Vultur. Tutte piazze legate al recente passato, al presente e al futuro di uno degli eroi di Benevento. Di seguito l'intervista a Simone Grillo:

Come procede la collaborazione con la Triestina?

"Il rapporto con Milanese prosegue nel migliore dei modi, cerchiamo di lavorare con la massima professionalità. Come per il Potenza, la prossima annata sarà quella del centenario anche per la Triestina ed entrambe meritano stagioni in cui lasciare il segno".

Quale sarà il futuro del lucano Libutti?

"Libutti è un patrimonio della Triestina che ha molte richieste, ma è un giocatore che ha fatto benissimo e la società è contentissima di lui. E' stato richiesto dalla Vibonese ma Lorenzo ha la maglia alabardata addosso".

Che campionato disputerà il Potenza in serie C?

"Il Potenza in C andrà costruito. Hanno vinto la serie D ma la Lega Pro è un altro mondo. Non si dovrà sbagliare la scelta degli over visti i soli 14 posti a disposizione e non bisognerà farsi attrarre da neanche dai nomi, ma si dovrà puntare a profili affidabili e con spiccate qualità caratteriali. Spero che la società si faccia trovare pronta perchè la città lo merita".

Cosa pensi del cambio societario della Vultur?

"Sono stato informato dal dottor Giovanni Polverari, con il quale il rapporto va oltre il campo. Sono contento e mi auguro che trovino la giusta serenità perchè Rionero merita la serie D. Spero che la futura società offra quella concretezza che negli ultimi anni non c'è mai stata".

Ti è dispiaciuto per la sconfitta dell'Agropoli in Finale dei Playoff?

"Dispiace per i ragazzi, persone eccezionali che hanno messo il cuore e l'anima dal primo giorno di ritiro e sono sicuro anche fino all'ultimo secondo dell'ultima partita, visto che è stata un'annata lunga, faticosa e dispendiosa. Spero che ritroveremo l'Agropoli in D attraverso il ripescaggio per tutti gli sforzi profusi dalla società. La rosa allestita era di tutto rispetto, complimenti agli avversari ma resta una grande stagione, peccato per il finale".

E' tutto pronto per il Soccer Summer Camp?

"Ormai ci siamo, stiamo ultimando gli ultimi dettagli dell'organizzazione. Siamo orgogliosi di offrire questa vetrina ai ragazzi e cercheremo di non far mancare nulla alle famiglie e ai tanti giovani che accoglieremo da tutta Italia. Aspiranti calciatori, anche di 11-12 anni, che capiranno se intraprendere questa strada o se si godranno una bella esperienza di vita cimentandosi con un mini ritiro. Ci aspettiamo tanto da questa edizione, cercheremo di dare il massimo perchè non ci accontentiamo e vogliamo crescere sempre più".