Francesco Ghirelli e i gironi di Serie C. Il presidente della Lega Pro interviene anche sulla questione della composizione dei tre gironi del prossimo campionato, che (a detta del numero della Lega calcio di Serie C) dovranno ancora una volta tenere conto del contenimento dei costi, anche se il “sogno” di Ghirelli resta di poter organizzare dei gironi nazionali e non territoriali come avvenuto negli ultimi anni.

Intervistato da “TuttoC”, Ghirelli (oltre sulla questione riammissioni e ripescaggi) parla anche della composizione dei gironi: “Il mio sogno, che però non è applicabile visti i costi, è la creazione di gironi nazionali. Sulla difficoltà dei gironi, se guardo all’ultimo campionato, dico di fare attenzione a dire quali sono i gironi più complicati. La maggior parte dei commentatori e degli addetti ai lavori diceva che il Girone A era il più facile. Poi, però, su 4 società arrivate alle semifinali playoff due erano del Girone A. Tornando al presente, valuteremo i gironi tenendo conto che peserà molto la questione dei costi. Abbiamo ancora un po’ di giorni per pensarci e lo faremo nel Consiglio Direttivo”.

E aggiunge: “Il periodo delicato saranno i prossimi 2-3 mesi, ma ho ascoltato con molto scetticismo le previsioni catastrofiche che venivano fatte sulla composizione dell’attuale Lega Pro. Perché il lavoro sulla sostenibilità era stato compiuto già nella scorsa stagione, perché abbiamo lavorato sulla cassa integrazione quando tutti ci prendevano per matti e perché abbiamo lavorato sugli altri provvedimenti di cui abbiamo appena discusso. Il fatto che oggi la maggior parte della squadre si sia iscritta non è un miracolo ma il frutto di un lungo lavoro. Che non deve andare perso”.

Sezione: Primo Piano / Data: Dom 09 agosto 2020 alle 18:39 / Fonte: stadionews.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print