Roccioso, generoso, invalicabile. È tempo di aggiornare gli aggettivi che accompagnano il difensore del Potenza Simone Sales che come Luigi Silvestri sta giocando dei play off di grande livello.

Il calciatore salentino non solo è abile nel contenere gli avversari ma è anche abile nel togliere riferimenti al suo diretto avversario di turno e a osservare cosa fanno i suoi compagni predisposti all’azione offensiva. Sales vive i 90 minuti della partita, ogni situazione, ogni zona di campo che gli viene affidata da mister Raffaele, in maniera mentalmente e fisicamente attiva.

L'allenatore del Potenza richiede una grande attenzione e concentrazioni ai suoi difensori corazzieri ed anche per questo quella rosso-blù è una delle retroguardie meno "bucate" di tutta la Serie C. Non ci si improvvisa difensore a questi livelli dato che questo è un ruolo che richiede specificità uniche. Può interpretarlo chi ha una cultura sportiva che viene da lontano, chi possiede caratteristiche tecnico-tattiche e Sales ha ormai interiorizzato movimenti che prova da ormai due anni e che ha costruito con il tempo: seguire i tagli degli avversari, porsi con la postura giusta dei piedi e del corpo magari per anticipare una corsa all’indietro, assorbire un inserimento, una marcatura preventiva: sono tutte situazioni di gioco che, se trascurate richiedono tempo per rientrare in circolo. Ecco tutto questo è Sales la roccia.

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 11 luglio 2020 alle 20:57
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print