È bastato poco, pochissimo tempo a Fabio Gallo per farsi già volere bene da tutti e non solo perchè i risultati sono dalla sua parte.Il nuovo allenatore del Potenza con leggerezza sta rincorrendo la salvezza diretta parole considerate cibo per matti sino a ieri da tanti ma da oggi trascinate dal vento della follia soffiato dalla vittoria con la Turris che ha fatto impazzire tutti di gioia.

Sia chiaro però, ieri è stato messo un altro mattoncino ma per costruire il muro serviranno ancora punti ed impegno massimo.Il dolore è l'inizio della guarigione, ma ora il mantra impone di volare basso e rimarginare le ferite. Una per una. A fine aprile si farà la conta e si tireranno le somme.Senza arzigogoli, utopie, isterismi e fantasie varie questo Potenza potrà portare la barca in porto sana e salva ma in futuro serviranno anche meno guardiolismi e più praticità e pragmaticità.

Non sempre si giocherà con la Turris e domenica si andrà a fare visita ad un Bari che si gioca un importante secondo posto con l'Avellino e servirà il miglior Potenza per sperare di portare via punti dal "San Nicola".Avanti cosi' comunque perchè già si intravede finalmente il cambiamento di un Potenza fino ad oggi brutto anatroccolo che sembra essere pronto a volere cercare di diventare un cigno.

Sezione: Primo Piano / Data: Mer 03 marzo 2021 alle 21:36
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print