Sconosciuti, ma poi non così tanto. La Juventus Under 23 è un gruppo che arriva a questo risultato dopo soli due anni di vita. Una squadra costruita per essere il serbatoio della maggiore, ma anche per sfornare talenti che possono essere poi rivenduti a peso d’oro, come nel caso di Simone Muratore, che ha debuttato venerdì sera in serie A contro il Lecce e che l’Atalanta ha già preso per la prossima stagione.

FIGLI D’ARTE. Posto che Muratore e Olivieri, due talenti, non saranno della partita perchè aggregati ai grandi (ci sarà invece Wesley “Gasolina” De Oliveira), una delle caratteristiche della squadra è quella di avere alcuni figli d’arte di talento. In difesa c’è Filippo Delli Carri, classe 1999, centrale come il papà Daniele, ex Piacenza, Fiorentina e Torino in A mentre sulla fascia c’è Pietro Beruatto, classe 1998, figlio di Paolo, una delle bandiere del Torino. In mezzo al campo, Manolo Portanova, figlio dell’ex Bologna Daniele.

RICHIESTE DALLA A. Tutti e tre sono già nell’orbita della prima squadra, come Luca Coccolo, torinese doc, alla terza stagione in serie C (la prima col Prato).  Per molti c’è già la fila: Nicolò Fagioli del 2001, trequartista piacentino promosso dalla Under 19, ha l’endorsement di Allegri. Lui studia da Pirlo e intanto spera di ripercorrere le orme di Nicolussi Caviglia, che lo scorso anno è passato in un anno dalla Under 19 alla serie B (oggi è al Perugia).

Il migliore del gruppo è però senza dubbio Luca Zanimacchia, fantasista pescato nella Primavera del Genoa, ma forgiatosi in D al Legnago: Sarri lo ha già portato con sè ma le richieste, da serie A e serie B, fioccano. Da tenere d’occhio anche un altro giocatore già chiamato da Sarri, l’attaccante italo-albanese Giacomo Vrioni, nato a San Severino Marche e già con 28 presenze in B con Venezia e Cittadella. Poi come abbiamo detto, ci sono i calciatori umbri, su tutti Marchi e Brunori.

TALENTI STRANIERI. Attenzione anche agli stranieri. Dall’Under 23, lo scorso anno la Juve ha lanciato il cipriota Grigoris Kastanos, quest’anno al Pescara. In questa stagione i fari sono puntati sui due mediani originari della Guinea, vale a dire Idrissa Tourè (passaporto tedesco), pescato nella squadra B del Werder Brema e Daouda Peeters (passaporto belga), ex Bruges.

Ci sono poi giocatori già noti, come lo spagnolo Alejandro Marques, protagonista della vicenda plusvalenze. La truppa straniera comprende anche i difensori portoghesi Alfonso Freitas e Joao Ferreira Fonseca, “promossi” dalla Under 19 come il difensore rumeno Matei Dragusin e l’attaccante danese Nikolai Baden Fredriksen; il centrocampista olandese di origine angolana Leandro Fernandes, prelevato dal Psv Eindhoven; il franco-marocchino Rafia Hamza, centrocampista, ex Lione; l’attaccante della Guinea Alhassane Soumah, pescato in Austria nel Wattens, il portiere uruguayano Franco Israel, nazionale Under 20 con la ‘celeste’.

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 27 giugno 2020 alle 21:13 / Fonte: calciofere.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print