Le regole del campionato di Serie D potrebbero essere riscritte in corsa? Difficile ma non impossibile. Aumentano le voci di una possibile riduzione delle retrocessioni dal massimo campionato dilettantistico nazionale in Eccellenza e, negli ultimi giorni, sta prendendo addirittura corpo la voce dell’annullamento completo dei play-out con conseguente retrocessione soltanto delle ultime due classificate di ogni girone.

Perché il motivo scatenante di queste voci? Perché difficilmente dall’Eccellenza si riusciranno a far salire per la prossima stagione in Serie D le necessarie trentasei squadre per rimpiazzare le retrocessioni previste da regolamento in questa stagione.

Se così fosse si rischierebbe di rendere ancora più irregolare il finale di una stagione già non esattamente regolare a causa degli stop, dei rinvii e di tutto quanto ne è conseguito. Senza dimenticare gli investimenti importanti fatti dai club “pericolanti” che a saperlo prima che sarebbero cambiate le regole, potevano risparmiare qualche soldino. La maggiore opposizione a questo tipo di soluzione è data dalle possibili polemiche da parte dei club retrocessi regolarmente (si fa per dire) nello scorso campionato quando il campionato fu addirittura interrotto e non terminò regolarmente ma che vide ugualmente quattro squadre per girone retrocedere senza neppure avere l’occasione di giocarsi i play-out famigerati.

Per tale motivo la ragione indurrebbe a mantenere l’attuale format e magari dare più possibilità di ripescaggio ai club retrocessi dalla D questa stagione. Di certo ne sapremo di più nei prossimi giorni.

Sezione: Primo Piano / Data: Mar 04 maggio 2021 alle 21:53 / Fonte: notiziariocalcio.com
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print