Il presidente del Potenza, Salvatore Caiata, sembra aver indirizzato le proprie attenzioni sul problema delle buche disseminate lungo le arterie cittadine mettendo ormai nel cassetto il progetto stadio. 
Probabilmente l'ennesima provocazione visto che al Comune esiste una maggioranza di destra nella quale il partito di Caiata ha notevole influenza, così come alla Regione principale referente per il terreno dell'ex Cip Zoo.

Presumiamo che nella sede municipale ci siano persone e assessorati preposti alla risoluzione del problema "buche" che, da quanto si apprende, non sembra irrisolvibile anzi, parrebbe in fase di soluzione. Più complessa e degna di approfondimento è la questione stadio, meno definita nei dettagli quindi più intrigante e meritevole delle attenzioni di un onorevole della Repubblica. 

Ognuno, però, è libero di scegliere le priorità nell'album delle problematiche di una città. Ne prendiamo atto. 

A scanso di equivoci e anche per chi rema contro, anche lo stadio a Potenza può rientrare di diritto tra le priorità, Potenza Città Europea dello Sport, indotto, lavoro, crescita, salto di qualità dello Sport in città e tante altre motivazioni che potrebbero riempire molte pagine. Poi, saranno sempre i cittadini che sapranno ricordarsi e valutare nell'attimo solenne, all'interno delle cabine dopo aver misurato i meriti e i demeriti di coloro che vorranno o avranno il coraggio di ripresentarsi...

Nel frattempo, il campionato continua, il Potenza non bissa la bella prestazione di Teramo e in una gara tesa si fa irretire dalla Virtus Francavilla chiudendo a reti bianche. Pesano come un macigno l'errore di Mazzeo su calcio di rigore qui, però, va evidenziata anche l'ottima parata del giovane portiere biancoceleste Costa ma ancor di più l'espulsione di Ricci al 36' per un fallo di reazione su una provocazione di un difensore della Virtus non sanzionata. Un pareggio, sostanzialmente giusto anche se i rossoblu ci hanno provato anche in 10 contro 11 con Gallo che ha mantenuto sempre i due attaccanti, poi l'espulsione di Coppola nel finale completa la giornata sfortunata per i Leoni. Alla ribalta anche Mastropietro della Virtus Francavilla che in occasione del rigore concesso al Potenza ha protestato dalla panchina meritandosi il giallo, poi entra al 76' al posto di Sparadeo e si fa cacciare un minuto dopo per doppia ammonizione, se non è un record poco ci manca.

Il campionato parla rossoverde, solo un cataclisma calcistico potrà togliere alla Ternana la serie B con il Bari che non ce la fa a Catania anzi, rischia la sconfitta con un calcio di rigore di Dall'Oglio parato dall'estremo difensore dei galletti Frattali al 93'. 
Nella parte bassa della classifica, vince la Paganese contro la Turris, il Monopoli batte la Cavese e sabato il Potenza andrà a far visita proprio agli aquilotti.

[Voceroca in Zona Ros]

Sezione: Editoriale / Data: Lun 22 febbraio 2021 alle 10:50
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print