Era smanioso di disputare i playoff quest’anno, dopo avere ben figurato in questi anni sulla panchina del Potenza. Affrontarli da tecnico del Catania avrebbe avuto un sapore molto particolare per Giuseppe Raffaele, che si è sempre dichiarato un tifoso rossazzurro (testimoniato anche da alcune foto pubblicate in rete). Le difficoltà incontrate nel corso del campionato, tuttavia, hanno mutato lo scenario malgrado ancora oggi la dirigenza rossazzurra nutra stima nei confronti del suo operato.

Se nella prima parte di stagione l’allenatore nativo di Barcellona Pozzo di Gotto era riuscito in qualche modo a confinare il periodo di sbandamento ad un massimo di 3 partite, trovando la quadratura del cerchio ed inanellando una serie di risultati utili consecutivi, nella seconda metà del campionato l’ex Potenza non è più riuscito a riprendersi, entrando in confusione. Alcune scelte tecnico-tattiche si sono rivelate discutibili e qualcosa non è andato per il verso giusto nella gestione del gruppo, sancendo la rottura definitiva tra squadra ed allenatore.

L’esonero di Giuseppe Raffaele dunque era diventato inevitabile, sebbene non possano essere dimenticate le tante attenuanti del caso, come gli innumerevoli infortuni e le numerose partite ravvicinate (specialmente tra Febbraio e Marzo). Dispiace che si sia conclusa anzitempo l’avventura del tecnico siciliano, visti l’impegno e gli sforzi profusi per cercare di condurre la nave in porto. Alla luce degli ultimi risultati, però, l’avvicendamento in panchina in favore di Francesco Baldini si è rivelata una scelta più che azzeccata, con la squadra migliorata sotto tutti i punti vista, sembrando abbastanza pronta per affrontare gli spareggi promozione da vera outsider.

Sezione: Primo Piano / Data: Mer 12 maggio 2021 alle 20:00 / Fonte: Tuttocalciocatania.com
Autore: Leonardo Volturno
Vedi letture
Print