Lega Pro ha riunito in video conferenza i medici sociali dei club con Francesco Braconaro, membro della commissione medico scientifica federale e rappresentante dei medici sportivi della Lega Pro e Gennaro Lamberti, presidente Federlab Italia. Un incontro incentrato sul lavoro e sul ruolo decisivo dei medici per garantire che il campionato si svolga in piena sicurezza.

“Se il campionato va avanti – ha spiegato Braconaro – questo lo dobbiamo anche ai medici delle società. Sono sottoposti a ritmi di lavoro intensi e si confrontano con situazioni estremamente mutevoli, pensiamo al rinvio delle partite in caso di positività al coronavirus. Stanno facendo uno sforzo straordinario”. Uno sforzo riconosciuto dal presidente di Lega Pro Francesco Ghirelli che sottolinea la riorganizzazione del campionato secondo metodi lineari e il meno traumatici possibili: “Ad oggi, a causa del Covid-19, siamo intervenuti spostando l’orario di 32 partite e lo abbiamo fatto con una linea di governance precisa e studiata: seguendo il protocollo, il buon senso, sopportando i disagi, dandoci la mano, evitando isterismi e litigi. Il mio grazie va ai presidenti e ai medici per la grande professionalità e la totale abnegazione”.

Ghirelli poi spinge per la richiesta di tamponi rapidi e di sostegni economici alle squadre: “I club stanno facendo sacrifici importanti, specie di natura economica ed organizzativa, e l’introduzione dei tamponi rapidi sarebbe di grande aiuto – prosegue Ghirelli – Sarebbe poi importante poter beneficiare di misure che alleggeriscano le spese sanitarie che i club affrontano attraverso, ad esempio, al credito d’imposta”.

E in una nota la Lega Pro ha poi specificato che si sta lavorando per “migliorare la tempistica di refertazione degli esiti dei tamponi, introducendo un processo che consenta, in caso di presunta positività, di ripetere il tampone e di averne il risultato in maniera ancor più tempestiva”.

Sezione: Primo Piano / Data: Gio 29 ottobre 2020 alle 21:24 / Fonte: Labaricalcio.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print