Non si hanno più notizie dei fantomatici imprenditori svizzeri "donnarummiani che sembravano essere interessati ad investire a Potenza ma a quanto pare un imprenditore elvetico è interessato a fare calcio in Italia e proverà a far rinascere il Trapani.

È arrivato infatti oggi a Trapani a mezzogiorno con un volo personale e alle tre e un quarto era già allo stadio. Renè De Picciotto munifico imprenditore svizzero si è concesso alla stampa fra il primo e il secondo tempo di Dattilo-Roccella, gara della quarta giornata di serie D Girone I. È il segnale concreto di come quest'imprenditore elvetico faccia sul serio. Una parte del suo patrimonio personale, stimato in circa mezzo miliardo di euro, vuole investirlo per rilanciare il calcio a Trapani. " Non ci sono segreti - spiega - perché mi siederò con i dirigenti della società del Dattilo e la trattativa potrebbe chiudersi in cinque minuti. Sono venuto a vedere la realtà della città e a valutare la situazione complessiva". In realtà, De Picciotto nella giornata di domani tenterà di porre le basi per un investimento immobiliare di notevole entità (sembra interessato al palazzo della ex Banca d'Italia), e martedì poi concludere l'affare legato al Dattilo squadra trapanese che da quest'anno gioca in Interregionale. "Ancora è troppo presto per dire quali potrebbero essere gli obiettivi del Trapani - dice ancora De Picciotto - se la trattativa dovesse andare a buon fine. Non sono qui a regalare sogni gratuiti ai tifosi. Sono un uomo a cui piace il calcio, e mi piacerebbe trovare nel territorio risorse locali. S'intenda bene: non ho bisogno di soci, ma connettersi alla città sarebbe importante". Non si vedrà direttamente con il sindaco Giacomo Tranchida, che però ha già sentito per telefono. " Per certi versi, va bene così. Avrò il tempo di schiarirmi le idee - conclude - e poi ci sarà modo di incontrarlo con calma". Il suo soggiorno a Trapani terminerà mercoledì. Possibile che per quel giorno i tifosi granata possano sapere se presto potranno tornare a sostenere i propri colori. E magari anche a sognare.

Sezione: Primo Piano / Data: Dom 18 ottobre 2020 alle 19:37 / Fonte: palermo.repubblica.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print