Saveriano Infantino, classe 1986, professione attaccante. Un ragazzo, un professionista modello, un grande lottatore, uno che non si arrende mai.Infantino è un lucano doc di Tolve e sinceramente non sappiamo come mai giochi ancora in Serie C (nel Girone A) dato che con la Carrarese è arrivato a siglare domenica la sesta marcatura in dodici gare giocate.

Fisico possente, capace di tenere palla, far salire la squadra, creare spazi per i compagni. Determinante il suo apporto, anche nella partita che ha visto vincere la sua Carrarese domenica contro l'Olbia dell'ex Potenza Emerson.

Tre a zero il risultato finale per la Carrarese con Infantino che dopo la seconda rete ha disegnato con le mani un "M".

Un segnale in codice per un patto,una scomessa siglata con una amico e cioè con l'avvocato potentino Michele Riccio che ogni settimana lo sprona e lo incoraggia fare sempre meglio.

L'avvocato Riccio ha sempre seguito Infantino fin da giovane curandone gli interessi ma quando per motivi personali il legale ha deciso di dedicarsi anima e cuore alla toga con Saveriano i rapporti non si sono mai interrotti.

Contro l'Olbia il giusto premio. Il raccolto dopo l'abbondante semina. Una prestazione di alto profilo per il bomber lucano, la rete la seconda dei marmiferi che si gonfia, e l'esultanza con quella "M" che non ha bisogno di commenti.

L'appuntamento adesso è per il sei più sei...aspettiamo la "M" a quota 12 sperando che Infantino possa spingere con le sue reti la Carrarese verso la B.

Sezione: Primo Piano / Data: Lun 23 novembre 2020 alle 20:04
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print