Allo Stadio “Luigi Razza” di Vibo Valentia nell’andata dei playout, il Rende ribalta tutti i pronostici e batte 1-0 il Picerno. Una vittoria anche meritata per i calabresi, premiati da una magia di Loviso e da una partita giocata con grande attenzione e determinazione concedendo poco o nulla agli avversari. Ora per completare l’impresa ai biancorossi servirà non perdere nel match di ritorno in programma tra tre giorni a Potenza.

Nel primo tempo i ritmi per forza di cose visto il gran caldo e i tre mesi di stop forzato sono molto bassi. La squadra di Rigoli prova a tenere il controllo del gioco senza però riuscire a rendersi pericoloso. La prima e unica occasione per segnare nei primi quarantacinque minuti di gioco capita agli ospiti con Esposito che servito da Guerra, tutto solo in area di rigore davanti a Savelloni calcia alto.

Anche nella ripresa i padroni di casa partono meglio, ma questa volta vengono subito premiati. Rigoli inserisce subito Fornito al posto di Libertazzi e proprio da un fallo sul numero 23 biancorosso nasce la punizione al 51’ che Loviso trasforma in maniera magistrale con un tiro che finisce nel sette con il portiere avversario immobile, portando così il Rende in vantaggio. La perla del 36enne centrocampista dovrebbe svegliare il Picerno che invece accusa il colpo e non riesce a ritrovarsi se non in un confuso pressing finale. Giacomarro prova a scuotere i suoi inserendo un attaccante come Nappello al posto di un difensore come Zaffagnini. Savelloni però non rischia nulla e neanche gli ingressi di Vanacore e Cecconi cambiano più di tanto le cose. Il numero 1 dei calabresi diventa protagonista solo nel finale quando deve sporcare i guantoni per respingere un tiro di Kosovan e soprattutto all’89’ quando con un gran volo mette al sicuro la vittoria sbarrando la strada ad un tiro da fuori di Pittaresi. Una buona occasione capita anche sulla testa di Santaniello, tentativo che però finisce largo. Finisce così con una sconfitta che costringerà il Picerno a cercare la vittoria martedì per evitare una clamorosa e anche immeritata retrocessione per quanto visto in campionato fino a marzo. Ecco Top e Flop della gara.

TOP

Loviso (Rende): il primo gol della sua stagione è una perla. Una punizione calciata in maniera fantastica che toglie tutte le ragnatele dall’incrocio dei pali. Fa girare la squadra con grande esperienza e regala ai suoi una grande chance in vista del ritorno. Cosa chiedergli di più? CLASSE PURA

Kosovan (Picerno): non c’è quasi nessuno da salvare nella formazione lucana, in tanti deludono e sembrano completamente fuori dalla partita. Il numero 10 rossoblu prova ad accendere la luce a centrocampo, lo fa però con troppa intermittenza. SPENTO

FLOP

Libertazzi (Rende): prestazione anonima per il numero 7 biancorosso, mai uno spunto in avanti. Nel suo tabellino non ci sono assist per i compagni o tiri in porta. E’ normale che Rigoli lo tolga dopo soli quarantacinque minuti mandandolo già nell’intervallo a fare la doccia. SPENTO

Esposito e Santaniello (Picerno): il numero 11 è probabilmente anche il più vivace tra i lucani, ma è anche l’unico ad avere una grande occasione per segnare che spreca in maniera clamoroso calciando alto da ottima posizione. Il capocannoniere dei lucani è, invece, insolitamente assente dalla manovra e nel finale spreca anche una buona chance mandando largo un colpo di testa. BOCCIATI

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 27 giugno 2020 alle 21:21 / Fonte: TuttoC
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print