Saranno in molti i tifosi della Reggiana che lunedì sera andranno nel parcheggio dello stadio, mantenendo la distanza sociale, per sostenere i granata nel match dei quarti di finale dei playoff contro il Potenza. E tutti sperano in una notte magica.

Come un grande drive-in per aggirare il covid, per gridare Forza Regia insieme in una delle notti più calde della storia granata. E’ dal 1996 che, fatta eccezione per un successo in quarta serie, la Reggiana sul campo non ottiene una promozione. Allora fu un gol di Strada a Verona a riportarci in serie A, dopo un anno di purgatorio in B. Oggi non vediamo l’ora che 23 anni d’inferno finiscano. Lunedì arriva il Potenza, un club che nella sua storia è stato famoso solamente negli anni 60 quando un giovanissimo Roberto Boninsegna, segnò a raffica e portò il club lucano in cadetteria (dobbiamo correggere l'autore dell'articolo che sicuramente non conosce la storia rossoblu: Boninsegna, Agroppi, Bercellino II sono alcuni dei protagonisti del Potenza che partecipò alla Serie B per cinque anni consecutivi. Proprio per la legge dei grandi numeri ci si avvicina sempre più a migliorare il palmares - NdR) . I potentini hanno segnato poco durante la stagione regolare: soltanto 36 gol in 29 partite, il peggior attacco tra le prime sette del girone sud. in una partita secca avere un attacco prolifico conta e non poco: quello granata di reti ne ha realizzate 45 in 27 partite. Se non fosse che sono passati 5 mesi dall’ultima volta che la banda di Alvini ha messo piede in campo, e se non fosse che le cifre vanno tradotte proprio sul campo in successi, non ci sarebbe nulla da temere. La vera potenza è la Reggiana.

Non si potrà entrare al Città del Tricolore ma i tifosi si stanno organizzando e lunedì sera saranno in massa nel parcheggio per seguire la partita da tablet e telefonini tutti insieme. Così si potrà cantare, tifare, sostenere e sperare. Quest’anno la Reggiana merita la serie B: società seria, allenatore bravissimo, spirito di gruppo formidabile. E’ una squadra con pochissimi difetti e molti pregi. Il maledetto covid costringe a giocarsi la serie B in luglio. Abbiamo voglia di notti magiche. E che non ci siano dei Caniggia in giro…

Sezione: Primo Piano / Data: Dom 12 luglio 2020 alle 19:02 / Fonte: reggionline.com
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print