È grazie al fiuto dei cani antidroga che i finanzieri della locale Compagnia hanno individuato e contestualmente sottoposto a sequestro oltre 4,3 chilogrammi di cocaina, l’autovettura a noleggio utilizzata per il trasporto della sostanza stupefacente, nonché tratto in arresto in flagranza di reato il cinquantunenne di Reggio Calabria, Felice Melchionna, ex allenatore tra i dilettanti di Hinterreggio, Gaeta e Modica, nonché già direttore tecnico del Siderno in Eccellenza. Ad essere sequestrato anche ciò che è stato rinvenuto in sede di estensione delle attività di perquisizione agli altri locali rientranti nella disponibilità di Melchionna, trattandosi del corpo del reato e di cose pertinenti a esso

Nello specifico, una pattuglia delle Fiamme Gialle, durante lo svolgimento di un servizio di controllo presso gli imbarcaderi di Villa San Giovanni, ha individuato una persona manifestante, sin da subito, evidenti segni di agitazione, conducente un’autovettura a noleggio.

La successiva interlocuzione con il soggetto in argomento ha condotto i militari operanti a nutrire fondati sospetti circa la possibile detenzione di beni illeciti, motivo per cui si è proceduto all’avvio, d’iniziativa, di un’attività di perquisizione all’interno dell’autovettura, nonché sulla persona.

A seguito di specifiche segnalazioni delle unità cinofile antidroga impiegate, gli operanti sono giunti al rinvenimento di oltre 4,3 Kg di cocaina, contenuti all’interno di 4 panetti ricoperti di plastica di colore nero, sigillati con del nastro da imballaggio trasparente e recanti impresso un simbolo riproducente un ferro di cavallo.

Gli involucri contenenti la sostanza stupefacente sono stati trovati all’interno di un vano per il filtraggio dell’aria condizionata, posizionato sotto il cofano-motore dell’autovettura ispezionata.

Successivamente, tenuto conto di quanto rinvenuto all’interno dell’autovettura controllata, i militari hanno esteso le attività di perquisizione all’abitazione del soggetto e al locale in uso alla società di cui lo stesso è risultato essere il rappresentante legale.

Le ulteriori attività di ricerca così condotte hanno consentito di ritrovare una bilancia di precisione perfettamente funzionante, un tablet, 4 telefoni-cellulari e documentazione varia attinente alle attività di traffico di droga perpetrate dall’indiziato.

Al termine delle operazioni, Melchionna è stato tradotto in carcere, così come disposto dal Pubblico ministero di turno della Procura.

Sezione: Primo Piano / Data: Lun 06 luglio 2020 alle 22:01 / Fonte: latinatu.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print