Potenza si è risvegliata muta, attonita e quasi incredula per quel sogno solo sfiorato ed allontanatosi del tutto per via del rigore sbagliato da Carlos França a Reggio Emilia. Come se non bastasse le cose "dette e non dette" nel post match dal presidente Salvatore Caiata hanno sconfortato ulteriormente una piazza calcistica che spera di non rimanere prematuramente vedova del suo illuminato mentore calcistico.

Il presidente Caiata proprio come recita la canzone che per anni ha dato la carica al "Viviani" e cioè "Se mi lasci non vale" deve resistere alla negatività di queste forze esterne che lo percuotono continuamente e pensare alla straordinaria bellezza da lui costruita.

L'amarezza è tanta ma non bisogna darla vinta a gufi e detrattori ed anche se il Potenza andrà rivisto e rivisitato in maniera "giovane" questo sarà bene accetto dai tifosi e quindi, Salvatore Caiata ...se ci lasci non vale!

Sezione: Primo Piano / Data: Mar 14 luglio 2020 alle 18:11
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print