Continua a mancare una data, neppure indicativa, per la ripresa degli allenamenti e poi della stagione calcistica. La decisione dipenderà soltanto dall’evoluzione dell’epidemia. Il ministro dello sport Vincenzo Spadafora e il presidente della FIGC Gabriele Gravina hanno comunque iniziato ad abbozzare un protocollo da seguire prima e durante il ritorno in campo della Serie A, B e C, aiutati dallo staff medico e scientifico.

I cardini di questo rigoroso programma sono la sanificazione degli impianti sportivi, il ritiro delle squadre per gli allenamenti e test ogni tre giorni a calciatori e familiari a spese delle società. Inoltre isolamento anche per gli arbitri. Ogni squadra dovrà attenersi a queste regole dal primo giorno in cui tornerà ad allenarsi, rimanendo in “clausura” anche nel mese e mezzo previsto per lo svolgersi delle dodici giornate rimaste alla fine del campionato.

L’attuazione di queste misure, al pari dello stop, sarà però gravoso dal punto di vista economico e le società chiedono provvedimenti. Soprattutto in Lega Pro i club si sono fatti sentire chiedendo lo svincolo sulle fideiussioni e la possibilità di accedere alla Cassa Integrazione in Deroga. Inoltre c’è l’ombra di un possibile contenzioso con le tv, per cui gli introiti provenienti dai diritti televisivi sono appesi a un filo.

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 04 aprile 2020 alle 18:53 / Fonte: Salernitananews.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print