Il Covid ormai condiziona tutti i settori lavorativi della nostra società e il calcio e la Lega Pro non sono da meno da questo punto di vista. Ormai davvero non si contano più le gare rinviate o modificate di orario causa la molteplicità di calciatori che nei vari giri di tamponi risultano positivi al Covid-19. Si può ben dire quindi che è più il Covid a dettare i calendari e soprattutto le formazioni che vanno in campo piuttosto che gli allenatori in quest’ultimo caso. Particolarmente bersagliato in questa ottica è stato proprio il Girone C di Lega Pro che conta il maggior numero di gare rinviate per Coronavirus.

La conseguenza più immediata dei tanti rinvii di gare in questo Girone C di Serie C è stata quella di avere una classifica e un campionato entrambi sfalsati. Si va da squadre come il Bisceglie che hanno giocato addirittura solo sette gare a squadre come l’Avellino che ne ha disputate solo otto, ad altre ancora come Monopoli, Vibonese, Casertana e Palermo che ne hanno fatte nove. Le uniche ad aver disputate tutte e dodici le gare in programma sono state la capolista Ternana, la Juve Stabia, la Paganese e la Virtus Francavilla. La classifica che ne deriva quindi non è assolutamente veritiera e fa scaturire a sua volta una serie di considerazioni su ciò che si poteva fare di diverso e che finora non stato fatto.

L’ipotesi migliore che non è stata proprio presa in considerazione finora ma che poteva essere senza alcun dubbio quella più logica, sarebbe quella di fermare il campionato di Serie C per un mese. Nel corso di questo mese verrebbero disputate solo le gare ancora da recuperare. Ovviamente però per applicare questa ipotesi sarebbe necessario far saltare il vincolo attualmente in vigore di terminare tutti i campionati prima dell’inizio dei Campionati Europei di calcio.

Considerato che quasi nessuno dei calciatori di Lega Pro parteciperà ai prossimi Campionati Europei, si tratterebbe di una soluzione assolutamente percorribile.

Al momento l’ultima giornata della stagione regolare in Lega Pro è fissata al 25 aprile 2021. Sarebbe possibile far slittare il termine dei tre gironi di Serie C a fine maggio per poi disputare senza alcun problema playoff e playout nel mese di giugno 2021.

Lo stop del campionato servirebbe ad evitare l’anomalia, che rischia di falsare il campionato, di avere squadre che hanno disputato la totalità delle giornate di campionato previste e altre invece che ne hanno disputato solo la metà come purtroppo sta avvenendo nel Girone C. Ma come tutte le cose logiche e di buonsenso non sarà assolutamente considerata, statene certi. Meglio il campionato intasato con tanti turni infrasettimanali che sta andando in onda finora, con tante squadre che in Lega Pro non hanno una rosa tale da poter giocare continuamente ogni tre giorni….

Sezione: Primo Piano / Data: Mar 24 novembre 2020 alle 19:59 / Fonte: vivicentro.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print