In serata il presidente del Potenza è intervenuto telefonicamente durante la trasmissione "Una Domenica Da Leoni" facendo il punto della situazione in casa rosso-blù in vista della sfida play off di domani sera di Reggio Emilia: "Adesso che siamo arrivati a giocare con il gotha della Serie C ti rendi conto delle differenze organizzative e strutturali che ci sono tra noi e le altre società e quando io, anni fa, all'inizio della mia avventura con il Potenza, parlavo che dovevamo fare non solo un salto di qualità tecnico ma anche sotto il punto di vista della programmazione la gente mi prendeva per pazzo. Oggettivamente per noi competere con queste realtà è difficile e quando il presidente della Figc Gravina fa intendere che vuole fare una scrematura delle squadre di Serie C fa capire che lo farà proprio in base a determinati criteri. La Reggiana è una squadra votata a fare la partita e non a difendersi proprio come il Potenza ma noi dovremo essere votati a vincere la gara, ma fare un pronostico è difficile però, sono certo che ci sarà tatticamente più di una partita nella partita. Sarà importante anche la condizione fisica delle due squadre dato che la Reggiana dopo mesi tornerà in campo a freddo non per giocare una gara amichevole ma per lottare e battagliare contro il Potenza mentre noi potremo essere stanchi perché, forse, siamo più rodati dopo due gare ma, al contrario, poi durante la partita i miei uomini potranno accusare la stanchezza di queste sfide ravvicinate già disputate con Catanzaro e Triestina. Noi venderemo cara la pelle e non molleremo la presa fino al 95esimo, ma servirà avere anche un pizzico di fortuna e sperare che anche i singoli episodi ci sorridano".

Sezione: Primo Piano / Data: Dom 12 luglio 2020 alle 22:34
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print