Un progetto sportivo se fallisce, può naufragare anche tra gli applausi talvolta, a patto che il tifoso percepisca che la squadra abbia dato tutto, spendendosi in ogni dove.Il Potenza che quest'anno sembrava agonizzante invece è riuscito a rialzarsi e come dice il presidente Salvatore Caiata la barca alla fine è stata portata in porto sana e salva.

Basta voltarsi indietro, riavvolgere il nastro, e vedere cosa ha dovuto penare il Potenza per poi tirare la testa fuori dalla sabbia in quesya tornata agonistica che poteva diventare sciagurata ed invece addirittura fino a prova contraria il roaster di mister Gallo puo' ancora sognare i play off.

Ad un certo punto questo Potenza era diventato irrazionale, incostante, confuso. Impaurito da tutto e tutti e privo forse del carattere necessario per potersi salvare. Un encefalogramma piatto, escluso qualche debolissimo sussulto ma quando tutto sembrava compromesso è arrivato il solito colpo di coda di Caiata,un colpo d'autore che porta il nome ed il cognome di Fabio Gallo.

Per il trainer lombardo non sarà stato facile decidere di prendere in mano questa patata bollente ma per la serie "va dove ti porta il cuore" ecco che Gallo che non aveva mai giocato ed allenato al sud è giunto a Potenza ed ha fatto l'impresa.

Non sappiamo se rivedremo la coppia Caiata-Gallo insieme anche il prossimo anno ma di certo nessuno si dimenticherà di loro e di una squadra che adesso ha anche il rammarico di non poter riuscire magari a centrare i play off per pochi punti.

Ma questo è il calcio e ricordiamoci sempre chi siamo,dove eravamo e dove siamo adesso.

Sezione: Primo Piano / Data: Gio 08 aprile 2021 alle 22:30
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print