Al via domani il Secondo Turno dei playoff, che vedrà subentrare le squadre quarte classificate nei tre gironi. Tra queste il Potenza, che lotterà per staccare il pass per la Fase Nazionali di questi singolari spareggi che a una della partecipanti regaleranno la B. Del momento che si vive in casa rossoblù, i microfoni di TuttoMercatoWeb.com ne hanno parlato con il centrocampista Giuseppe Coccia.

Avvolgiamo il nastro al momento dello stop: che stagione è stata per il Potenza?
“Credo sia stato un anno record. La scorsa stagione eravamo arrivati quinti, quest’anno prima dello stop eravamo quarti a un solo punto dal terzo posto, e questa è stata una grande cosa perché credo che non sia mai raggiunta in C questa posizione di classifica. Certo, l’anno si sarebbe anche potuto concludere meglio, ma ora abbiamo l’opportunità di giocarci i playoff, vedremo come andrà”.

Ci sarebbe quindi stata la possibilità di un miglior piazzamento in classifica?
“L’ultimo mese è stato molto positivo, eravamo in rampa di lancio per poter puntare alle posizioni ancora più alte. Credo che la classifica sarebbe stata migliorata, anche toccando il secondo posto”.

Il Catanzaro, vostro avversario, ha già una gara sulle gambe: può essere un vantaggio per le Aquile?
“Sicuramente romperà il ghiaccio la squadra che ha giocato prima, ma ai playoff si fa presto a usare la parola “favoriti”, le sorprese ci sono sempre, come ci sono state ai playout. Poi occorre ricordare che il fattore campo di fatto si annulla, quindi non vedo vantaggi, servirà semmai avere testa, ancora più che fisico perché nessuno sarà al 100% e la fame e la voglia faranno più dei valori tecnici. L’esperienza delle squadre potrà dire molto”.

I giovani hanno però più possibilità di recupero fisico rispetto a chi è esperto.
“Questo è vero, ma non è un fattore determinante. Sotto l’aspetto fisico conta semmai una rosa lunga, e noi abbiamo 20 titolari, poi occorre guardare nell’immediato, no nel lungo termine dove forse la condizione fisica può fare la differenza: ripartiamo tutti da zero, la testa sarà importante, così come la voglia”.

A proposito di condizione fisica: come sta il Potenza?
“Durante il periodo del lockdown ci siamo allenati, e addirittura dai test effettuati sono emersi risultati più positivi di quelli di inizio ritiro, a dimostrazione che ci siamo mantenuti bene: siamo poi un gruppo collaudato e compatto, questo sarà un aspetto utile”.

Dove potete arrivare?
“Dobbiamo intanto arrivare alla prima gara, e da li capire come stiamo e dove possiamo arrivare. Chiaramente, dopo lo scorso anno, vogliamo arrivare almeno ai quarti, ma gli obiettivi si fanno di gara in gara”.

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 04 luglio 2020 alle 18:06 / Fonte: Tuttomercatoweb
Autore: Giuliano Guarino
Vedi letture
Print