“So che la mia parata è servita a portare a casa tre punti ma sono ancora più contento perché è stata una vittoria di squadra. Però dobbiamo imparare a non soffrire più negli ultimi minuti”. Gigi Frattali è stato certamente tra i protagonisti della gara vinta contro il Potenza per 2-1. Due le parate incredibili sul colpo di testa di Ricci, prima, e sul diagonale di Vuletich, poi.

ll gol subito da Emerson è un gioiello del difensore brasiliano sul quale Frattali non ha potuto, però, fare nulla: “Non ero sorpreso dal tiro, conosco Emerson e so che da quella posizione tira. Ma la palla ha fatto un improvviso cambio di direzione ed è poi scesa all’improvviso. Ecco c’è solo da fare i complimenti a lui perché poche persone ho visto calciare nella mia carriera come lui”.

Al Bari manca certamente un rigore nel primo tempo per fallo su Antenucci: “Sento parlare spesso delle altre squadre che raccontano sempre di episodi sfavorevoli per loro ma oggi siamo stati noi a subire ingiustizie. Ogni domenica però sentiamo sempre polemiche come se il Bari venisse aiutato invece mi sembra il contrario. Poi gli arbitri possono sbagliare e noi non possiamo appenderci a questi errori ma andare avanti per la nostra strada”.

L’importante ora è proseguire su questa strada e stare al passo delle dirette concorrenti per le prime posizioni in classifica: “Non dobbiamo fare distinzione tra grandi e piccole. – ha concluso Frattali – Ogni partita dobbiamo fare tre punti a prescindere dall’avversario. Ogni partita ha la sua difficoltà e dobbiamo solo pensare a fare più vittorie possibili perché siamo il Bari e siamo forti. Ma dobbiamo allo stesso tempo avere umiltà e fare il nostro lavoro”.

Sezione: Primo Piano / Data: Dom 08 dicembre 2019 alle 21:08 / Fonte: labaricalcio.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print