Da più parti sono sempre più insistenti le voci legate a una probabile ripresa dei campionati, nonostante l’emergenza Coronavirus. E ci si interroga su come comportarsi per potersi allenare. Chiaramente non sarà come prima. Le prime indicazioni, o meglio “raccomandazioni”, sono state diffuse nella serata di ieri, sabato 4 aprile, da parte della Federmedici, rivolte agli sportivi professionisti. Per quanto riguarda i dilettanti, infatti, si consiglia di proseguire lo stop anche oltre il 13 di aprile.

In sostanza si potrebbe definire una vera e propria “nuova” idoneità sportiva post Covid-19. Andranno rifatte le visite mediche. Intanto i calciatori dovranno essere divisi in due gruppi: da una parte i “positivi accertati e guariti” ma anche, coloro i quali, a giudizio dei responsabili sanitari del club, “abbiano avuto sintomi riferibili, fra i quali 37,5 gradi di febbre, tosse, astenia, dispnea, mialgie, diarrea, anosmia, ageusia”. L’altra parte del gruppo vedrà i negativi, gli asintomatici e chi è stato a contatto con positivi.Prima di tornare eventualmente in campo quindi anche i calciatori del Potenza dovranno sottoporsi atamponi ogni quattro giorni, esami del sangue e anche test cardio polmonari per cercaredi rimettersi in carreggiata con una ripresa graduale.

“La lista dei controlli per i positivi – scrive Valerio Piccioni su La Gazzetta dello Sport – comprende il test cardio polmonare, l’ecocardiogramma color doppler, l’holter per 24 ore inclusivo anche di una seduta di allenamento, la spirometria, gli esamiematochimici, la radiologia polmonare. Dopo tutto questo ci dovrà essere un ‘nullaosta infettivologico’ per la ripresa. Il periodo individuale di graduale recupero sarà di 15 giorni. Per il secondo gruppo, oltre al tampone ogni 4 giorni, è previsto un test da sforzo massimale, l’ecocardiogramma, la spirometria e le analisi ematochimiche”. Insomma si annuncia un ritorno graduale e con moltissime precauzioni. Niente sarà più come prima.

Sezione: Primo Piano / Data: Dom 05 aprile 2020 alle 18:49 / Fonte: tifocosenza.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print