Manca poco all'esordio del Potenza in questi Play Off, le aspettative sono molte anche per quanto di buono ha fatto in campionato la squadra di Raffaele. Quest'anno contro i giallorossi i Leoni hanno conquistato 6 punti su 6, vendicando quanto successe la scorsa stagione, esordio in C per i rossoblu. Avviciniamoci alla partita con i commenti della stampa e iniziamo da quella della città calabrese: Maurizio Marino di catanzarosport24.it.

• • • •

Non c'è tempo per fraseggi inutili, per un gioco poco incisivo. E' giunto il momento di cambiare registro, di dare una svolta alla stagione. E' tempo di chiedersi cosa questo Catanzaro vorrà fare da grande o meglio, se vorrà diventare GRANDE. La trasferta di Potenza valevole per il secondo turno della fase a gironi dei play off darà importanti indicazioni e non solo per il passaggio alla fase nazionale. Il Potenza rappresenta un vero e proprio banco di prova soprattutto per mister Auteri...e già perchè il tecnico di Floridia dovrà dare le conferme che tutto il popolo giallorosso si aspetta, quelle conferme che gli hanno permesso di essere uno dei migliori tecnici della categoria, colui che con il metodo di gioco ha stravolto il calcio di terza serie. Il suo curriculum parla chiaro, deve pur avere il suo peso specifico! D'altra parte Benevento, Nocerina e Materia dimostrano ampiamente quali sono i meriti del tecnico siciliano.

Un gioco, si diceva, che però in casa giallorossa spesso è stato latitante nel corso di questa stagione. Si dirà che si è stati fermi dalle attività agonistiche per oltre 3 mesi, ma è pur vero che Corapi e compagni hanno avuto oltte un mese per preparae al meglio questo mini-torneo. Nessun alibi dunque è concesso.

La tenuta fisico-atletica è fondamentale per reggere i ritmi di questo mini-torneo che vedrò le squadre interessate scendere in campo ogni 4 giorni, ma a questo punto, avendo il Catanzaro una risorsa che altre società non hanno, è fondamentake sfruttarla. Risorsa che corrisponde al nome di Gaetano Auteri. Conosciamo il suo credo calcistico, il modo con cui dispone i suoi ragazzi, come interpreta il calcio, ebbene i giallorossi dovranno applicare alla lettera quanto l'esperto tecnico impartirà loro.

Sarà partita del dentro o fuori ma nel calcio si sa, non si vince solo con episodi fortuiti (anche se dalle nostre parti di tali episodi che ci hanno estrimesso dai play off ne conosciamo tanti|) ma dimostrando il proprio valore.

Il catanzaro ha l'obbligo e il dovere morale nei confronti di un'intera tifoseria disseminata ovunque sul Globo, di regalarle ciò che merita,  per prima cosa il passaggio del turno ritornando a giocare come spesso abbiamo avuto modo di vedere con Auteri in panchina. Le vittorie di Catania (0-2), Reggina (3-4) e  Potenza (1-5) appaiono lontane? Chi l'ha detto che non si possano ripetere? Il Catanzaro deve provare a riproporre quelle prestazioni. Sono cambiati gli interpreti certo, ma questo Catanzaro ha il tasso tecnico sufficentemente elevato per farlo, anche se di fatto quella di Potenza sarà la seconda partita che si disputerà dopo 112 giorni di stop forzato. Sotto questo aspetto i giallorossi hanno un piccolo vantaggio rispetto ai colleghi lucani in quanto per il Potenza sarà la prima uscita ufficiale e pertanto potrà incontrare le stesse difficoltà di natura fisico-atletica riscontrate dalle Aquile nel corso della gara che ha segnato il passaggio del turno.

Forza dunque, si dimostri che il Catanzaro di questa stagione, pur con i tanti errori commessi fuori e dentro il rettangolo di gioco, ha ancora nelle sue corde le caratteristiche per proseguire il cammino da tutti auspicato.

Il link all'articolo: clicca qui

Sezione: Primo Piano / Data: Gio 02 luglio 2020 alle 14:10
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print