Per il Potenza è la settimana della ripresa. In attesa di conoscere l’esito definitivo del Consiglio Federale che il prossimo 8 giugno si esprimerà sulla ripresa del calcio italiano e sulle modalità che saranno adottate in particolare in serie C, la squadra di mister Raffaele programma tutti gli atti «preliminari» al ritorno in campo.

Ieri i calciatori del leone rampante si sono sottoposti ai primi tamponi in un percorso che, nel pieno rispetto del protocollo sanitario varato per il calcio, costerà al presidente Caiata un bel gruzzolo di soldi. Lo staff tecnico ed i calciatori del Potenza sono tutti in città e da domani piano piano si ricomincerà a sgambettare anche se ultime due settimane, una volta alleggerite le misure restrittive, sparuti gruppetti di calciatori (due-tre per volta) hanno cominciato a correre in alcuni dei parchi cittadini oppure in zona Pignola presso l'Oasi del Pantano.

La tempistica definitiva sarà comunque data dall’orientamento della Figc che proverà a capire se in extremis ci sono i margini per ricomporre la stagione di Lega Pro 2019-20 allo stato originario. Prospettiva ridotta ai minimi termini: troppi sono i club di C che non hanno le risorse per riprendere rispettando gli oneri finanziari. Non a caso, nella serata di ieri è partita la richiesta per convocare con urgenza una nuova assemblea di categoria. La prospettiva più verosimile resta limitata alla disputa dei soli playoff e playout, secondo il format completo (a 28 squadre), ma lasciando la libertà ad ogni team di presentarsi o meno alle gare, senza conseguenze disciplinari.

Il 27 giugno è la data “minima” per iniziare gli spareggi promozione, il 12 luglio quella “massima”.

Sezione: Primo Piano / Data: Mar 02 giugno 2020 alle 20:12
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print