ll Cosenza è virtualmente salvo, una grande impresa che sembrava impossibile fino a qualche giornata fa. Ma per brindare bisognerà attendere il Verdetto del Coni sul ricorso del Trapani per l’annullamento dei due punti di penalizzazione. In caso il verdetto sia favorevole ai siciliani il Cosenza disputerebbe i play out contro il Perugia. Diversamente il Cosenza potrà festeggiare una meritata salvezza.
Festeggiamenti che potrebbero coinvolgere il Rende Calcio, infatti in caso di permanenza in Serie B Guarascio, presidente del Cosenza e Coscarella presidente del Rende affronteranno in maniera più approfondita la probabile fusione tra i due club.
Ma ci sarebbe una novità raccolta in esclusiva da catanzarosport24.it la fusione non sarebbe fine a se stessa ma mirata a creare il Cosenza Under 23 per partecipare al campionato di Serie C.
Qui entrano in ballo però le normative federali che al momento “sembrano” limitare ai soli club di serie A la possibilità di costruire una seconda squadra con la partecipazione ai campionati di Serie C in caso di posti vacanti al raggiungimento dei 20 club per girone.
Un’altra ipotesi al vaglio dei dirigenti cosentini è quella di procedere attraverso la riammissione del Rende retrocesso dalla serie C. Anche in questo caso bisognerà dare uno sguardo alle normative che al momento sono solo limitate alla possibile acquisizione del titolo di una società fallita solo ed esclusivamente a società subentranti dello stesso comune.
È una idea suggestiva ma sarà praticabile? Lo sapremo nei prossimi giorni dopo il verdetto del Coni che se sancirà la certezza della salvezza del Cosenza (esprimendosi sul ricorso del Trapani) darà il via al tavolo tecnico tra Guarascio e Coscarella.

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 01 agosto 2020 alle 20:47 / Fonte: catanzaroinforma.it
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print