Ecco il pensiero del consigliere comunale Francesco Giuzio sulla questione Potenza-Caiata che dalla sua bacheca Facebook ha fatto il punto della situazione.

"SIC TRANSIT GLORIA MUNDI”. Questa locuzione latina letteralmente significa: “Così passa la gloria del mondo” ovvero “come sono effimere le cose del mondo”.
𝗟𝗼 𝗦𝗽𝗼𝗿𝘁 in generale e il Calcio in particolare rivestono un’ 𝗶𝗺𝗽𝗼𝗿𝘁𝗮𝗻𝘇𝗮 𝗲𝗻𝗼𝗿𝗺𝗲 nella vita di una comunità.
Un movimento di persone che alimenta socialità, senso di appartenenza ed economia.
Lo sport e le società sportive sono un bene prezioso. E come tale devono essere trattate.
Ho ascoltato con molta attenzione la conferenza stampa dei vertici del Potenza Calcio: Caiata, Fontana e Iovino.
Purtroppo era assolutamente prevedibile un epilogo del genere.

Ma proviamo ad analizzare cosa lascerebbe Caiata, sotto l’aspetto sportivo, alla città di Potenza.
Sicuramente tanti bei ricordi. La vittoria del campionato di Serie D e i due anni di Lega Pro con ottimi risultati sportivi.
Uscendo dalla sfera dell’immaterialità, cosa c’è di palpabile e reale nella sua eredità?
Nulla. Niente che possa invogliare nuovi investitori a subentrare al deputato di Fratelli d’Italia.
Forse qualche situazione spinosa.
Vediamo nel dettaglio:
Parco giocatori:
Il patrimonio di una società di calcio è formato dai propri calciatori.
Nella rosa del Potenza ci sono attualmente 31 calciatori tesserati (fonte wyscout.com).
Epurando da questa lista tutti i giocatori che hanno messo insieme meno di 90 minuti in stagione si arriva al numero di 21 calciatori.
La cui età media è di: 𝟐𝟗,𝟓 𝐚𝐧𝐧𝐢.
La squadra più vecchia della serie C.
Nessun giocatore dell’attuale rosa rappresenta un possibile guadagno per la società.
Vuoi per l’assenza di contratti a lungo termine, vuoi per l’età degli stessi.
Nessun giovane potentino ha esordito nella Serie C.
𝐋𝐞 𝐠𝐢𝐨𝐯𝐚𝐧𝐢𝐥𝐢 𝐬𝐨𝐧𝐨 𝐬𝐭𝐚𝐭𝐞 𝐝𝐚𝐭𝐞 𝐢𝐧 𝐠𝐞𝐬𝐭𝐢𝐨𝐧𝐢 𝐚 𝐬𝐨𝐠𝐠𝐞𝐭𝐭𝐢 𝐭𝐞𝐫𝐳𝐢, sganciandosi di fatto dal progetto tecnico della prima squadra.
Sembrano così lontani i tempi di Lolaico e Nolè.
Il Potenza infatti è 𝐮𝐥𝐭𝐢𝐦𝐨 nella classifica relativa ai contributi ricevuti dalla lega in base al minutaggio dei giovani nati dal 1996 in poi. La quota ricevuta è pari ad 𝐞𝐮𝐫𝐨 𝟎.
La Cavese ha ricevuto euro 𝟑𝟗𝟓.𝟖𝟔𝟒,𝟒𝟏. Posizione finale 13esimo posto.
Il Monopoli ha ricevuto euro 142.310,73. Posizione finale terzo posto.

Alla luce di ciò, chi dovesse subentrare a Caiata troverà “tabula rasa”.
Con qualche spina, come dicevo: Il debito (a meno che non sia stato saldato negli ultimi giorni) del Potenza Calcio nei confronti del comune di Potenza, di circa 30 mila euro.
Un pubblico abituato a classifica di alto livello e storicamente tiepido in caso di annate “normali” (la media spettatori di quest’anno fa pensare anche che il pubblico abituale possa essere di circa 2500 persone, poco più).
Le norme anticovid e i costi a queste legati.
Le probabili 𝐩𝐨𝐫𝐭𝐞 𝐜𝐡𝐢𝐮𝐬𝐞 ancora fino a dicembre, questo sta a significare nessun introito da biglietti e abbonamenti.
Un rapporto divisivo con la città:
Prima la scelta di candidarsi con il M5S, l’ingresso in Fratelli D’Italia, la nomina a segretario regionale pestando i piedi ai veterani del partito.
Poi ancora la questione Centro Commerciale e Stadio, che ha alimentato le divisioni.

Queste le spine che ci è dato conoscere.
Per il resto presumiamo che i conti siano in regola e che i 400 sottoscrittori dell’abbonamento al buio abbiamo dato una grande mano nel sostenere le spese di questi mesi.
Probabilmente discutere sulla possibilità di coinvolgere i cittadini attraverso qualcosa che andasse nel solco della 𝐩𝐚𝐫𝐭𝐞𝐜𝐢𝐩𝐚𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐩𝐨𝐩𝐨𝐥𝐚𝐫𝐞, sarebbe stato più vantaggioso che chiedere un contributo a fondo perduto ai cittadini.
La mia proposta, fatta nel mese di 𝐦𝐚𝐠𝐠𝐢𝐨, rimasta lettera morta.
Insomma, la domanda finale è: Chi ha creato questo Potenza, lo ha fatto con lungimiranza e sguardo al futuro? "Ai posteri l’ardua sentenza.”

Ora le istituzioni hanno il compito di cercare qualcuno che possa garantire un futuro a questa società.
𝐏𝐞𝐫 𝐢𝐥 𝐛𝐞𝐧𝐞 𝐝𝐞𝐥𝐥𝐚 𝐜𝐢𝐭𝐭𝐚̀.
Un compito complesso e con la scadenza del 5 agosto che è già dietro l’angolo.
Al Sindaco di Potenza e all'Assessore allo Sport la mia 𝐝𝐢𝐬𝐩𝐨𝐧𝐢𝐛𝐢𝐥𝐢𝐭𝐚̀ per contribuire a trovare la 𝐬𝐨𝐥𝐮𝐳𝐢𝐨𝐧𝐞 migliore."

Sezione: Primo Piano / Data: Mer 15 luglio 2020 alle 20:16
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print