Si conclude 0-0 la sfida delle ore 15.00 del "Viviani", valevole per la ventiseiesima giornata di Serie C, tra Potenza e Virtus Francavilla. Le due squadre, visibilmente nervose e timorose di farsi male, si sono spartite la posta in una gara tesa. Nonostante le reti bianche, infatti, nel capoluogo lucano succede di tutto. 

Il match inizia con un forcing degli ospiti, che trova il suo apice al nono minuto, quando Adorante in area prova a deviare un buon cross basso di Sparandeo. Attento Marcone nell'occasione, che para di riflessi. Dopo un paio di fiammate, però, le squadre iniziano a contrarsi. In una gara poco spettacolare, infatti, a prendere la scena sono state le tre espulsioni. Nel primo tempo è Manuel Ricci, al 37', a tirare uno schiaffo al volto a Franco sugli sviluppi di un calcio d'angolo. L'arbitro Longo, vicino all'azione, non ha dubbi: il fantasista dei lucani è costretto a prendere anzitempo la via degli spogliatoi. 

Nella ripresa succede di tutto. Al 60' è l'estremo difensore degli ospiti, Costa, a prendersi la scena. Sugli sviluppi di un altro calcio d'angolo, infatti, viene assegnato un rigore ai padroni di casa per fallo di mano di un difensore salentino. Nell'occasione è bravo il portiere ad intuire il lato della porta battezzato da Mazzeo, deviando in calcio d'angolo. Nei rimanenti 30' minuti succede poco nei pressi delle aree di rigore, ma sono ancora i cartellini a farla da padrone. All'80' viene espulso Mastropietro, appena entrato in campo, per doppia ammonizione: il centrocampista era stato già ammonito dalla panchina per proteste in occasione del calcio di rigore. Rosso sacrosanto: il suddetto travolge Gigli in un'area poco pericolosa del campo. Al 90' c'è il tempo per un'altra "prodezza". Il capitano dei padroni di casa, Coppola, viene ammonito per intervento a gamba tesa su Caporale. Non contento, il centrocampista si fa ammonire una seconda volta per proteste. La gara, dunque, scivola senza particolari spauracchi per le difese.

Ecco i top & flop dell'incontro:

TOP:
Nicolò Gigli (Potenza)
: in una gara senza particolari squilli spicca per personalità. Il centrale ex Südtirol è attento le poche volte che la Virtus Francavilla si fa vedere dalle sue parti: apprezzabile, in particolare, un anticipo di testa su Adorante nel primo tempo, che avrebbe potuto ribadire in porta un buon cross dalla fascia sinistra. In generale sbaglia poco e guida la retroguardia di casa con autorità. ROCCIOSO

Bryan Costa (Virtus Francavilla): non viene impegnato praticamente mai, ma è il protagonista assoluto in occasione del rigore. Il penalty di Mazzeo non è particolarmente angolato, ma è bravo l'estremo difensore a muoversi con reattività. Ben fatto, considerando che si tratta dell'unica occasione in cui il classe '98 riscalda i guantoni. PARARIGORI 

FLOP: 
Manuel Ricci e Mario Coppola (Potenza)
: due leggerezze imperdonabili che condizionano inevitabilmente la gara. Ancora più grave se si considera che stiamo parlando di due degli elementi più carismatici del Potenza. Male, molto male, trattandosi di due espulsioni assolutamente "gratuite" e riconducibili ad un certo nervosismo. NON-LEADER 

Federico Mastropietro (Virtus Francavilla): vedi sopra. Il centrocampista originario di Taranto non ha neanche il tempo di lasciare la propria impronta sulla partita attraverso il calcio giocato. Incredibile ingenuità, visto che la prima ammonizione arriva direttamente dalla panchina, e la seconda è conseguenza di un intervento a dir poco scomposto in un'area del campo lontanissima dalla propria porta. IRRUENTO 

Sezione: Primo Piano / Data: Dom 21 febbraio 2021 alle 18:26 / Fonte: TuttoC
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print