In casa Picerno si lavora in vista del big match della 13ª giornata del campionato di Serie D girone H, i lucani sfideranno in trasferta il Casarano. Gara importantissima per il vertice della classifica, tra due delle principali candidate alla vittoria finale del campionato. A tal proposito il tecnico rossoblù, Ciro Ginestra, ha analizzato la settimana di lavoro e il prossimo big match dei suoi ragazzi in territorio pugliese.

L’ANALISI DEL MISTER

“Sfida proibitiva? Di proibitivo nel calcio come nella vita non c’è niente, andiamo ad affrontare una delle pretendenti alla vittoria finale, una squadra forte e importante, ma lo siamo anche noi. – ha esordito il tecnico dei lucani – Credo che abbiamo tutte le carte in regola per fare una buona partita, molto dipenderà anche dalla prestazione che faremo, sarà una sfida bella contro una squadra forte e non ci precludiamo la possibilità di fare una bella partita. Stop nel momento migliore? Spiace, purtroppo è un campionato strano, abbiamo fatto due partite tra il 6 e il 10 gennaio a Bitonto e Pozzuoli dove sono arrivati 4 punti ma ne meritavamo 6, e dove le nostre avversarie non hanno mai giocato. Poi domenica eravamo pronti per giocare col Sorrento, ed è successo quel che tutti sapete (focolaio Covid in casa rossonera ndr) e un pò ci è dispiaciuto, ma oggi fa parte del gioco e quest’anno di anomalie del genere ce ne sono un pò in tutti i campionati. – prosegue Ginestra – Stiamo ancora combattendo con questo virus, speriamo che presto si normalizzi la situazione perchè così è dura. Oggi la squadra sta bene, viene da momenti positivi ed ha assimilato un’idea di gioco, certe volte può capitare di non vincere ma quel che conta è che abbiamo un’identità e una filosofia di calcio consolidata, oggi va bene così poi chiaro che oltre a questo bisogna aggiungerci il risultato. Col Casarano puntiamo ad un risultato positivo, sarebbe importante per noi. – conclusione sull’ultimo arrivato – Gioiele (Origlia ndr) è un giocatore che insieme al direttore abbiamo cercato e voluto fortemente, perchè oltre ad essere un under di qualità è stato un mio calciatore l’anno scorso in C a Caserta dove ha raccolto venti presenze, ora viene a dare una mano e si inserisce in un gruppo già forte, è una freccia in più nel nostro arco”.

Sezione: Primo Piano / Data: Sab 23 gennaio 2021 alle 20:52 / Fonte: ilrestodelcalcio.com
Autore: Redazione TuttoPotenza / Twitter: @tuttopotenza
Vedi letture
Print